Frank Gehry a Panama: il Biomuseo che racconta la biodiversità

AAA

È la sua prima opera in America Latina e verrà inaugurata tra i mesi di maggio e giugno di quest’anno, è il Biomuseo di Frank Gehry, un progetto che vuole raccontare la storia dell’istmo di Panama e il suo ecosistema unico a confine tra due Oceani. Dopo 10 anni di lavori, il Biomuseo apre le porte ai visitatori, per accompagnarli in un viaggio unico attraverso la biodiversità e le diverse specie che popolano questa striscia di terra che separa l’Oceano Atlantico dall’Oceano Pacifico.

Frank Gehry e il suo contributo per il rinnovamento della Battersea Power station

La frammentazione dei volumi che caratterizza il lavoro del celebre architetto canadese si unisce all’arcobaleno di colori che contraddistingue la terra e la popolazione dell’America Latina.
Una superficie totale di 4000 mq, sviluppata su 3 livelli, ospita 8 gallerie espositive, uno spazio per allestimenti temporanei e una caffetteria.

gehry-biomuseo-panama-b

gehry-biomuseo-panama-c

La struttura del Biomuseo di Frank Gehry è caratterizzata da una composizione asimmetrica di volumi coperti da pannelli inclinati e colorati, frammentazione e varietà che raccontano le caratteristiche dell’ambiente che lo circonda.

gehry-biomuseo-panama-d

gehry-biomuseo-panama-e

All’interno, la mostra permanente intitolata “Panama: Ponte della Vita”, rivela come ha avuto origine l’istmo di Panama e di come esso influisca sulla biodiversità. Video, foto e allestimenti accompagnano il visitatore in un’esperienza di forte impatto visivo attraverso le 8 gallerie, ognuna delle quali affronta una diversa tematica: dalla nascita dell’istmo attraverso l’installazione di sculture alte 14m, per simulare le tettoniche, alla galleria denominata “ Il grande scambio”, una fuga precipitosa di animali che 3 milioni di anni fa iniziarono ad attraversare l’istmo.

gehry-biomuseo-panama-i

gehry-biomuseo-panama-n

Di particolare effetto è la galleria “Panamarama”, un’area dotata di sedici schermi che attraverso un racconto audiovisivo mostrano le meraviglie naturali di tutti gli ecosistemi presenti a Panama.

gehry-biomuseo-panama-m

A completamento del museo di Gehry, due grandi acquari accolgono le specie del mar dei Caraibi e del Pacifico, separate milioni di anni fa dall’emergere della terra dell’istmo.
Tutti gli allestimenti sono opera di Bruce Mau Design.

gehry-biomuseo-panama-f

gehry-biomuseo-panama-g

All’esterno, le tematiche descritte dal museo proseguono in un giardino botanico, un luogo dove imparare e contemplare la natura, disegnato da Edwina Von Gal, celebra paesaggista.
Otto zone specifiche raccontano la vegetazione del luogo attraverso combinazioni di colori ottenute grazie alla sapiente disposizione di piante e fiori; tutte le aree sono apprezzabili anche nei periodi più caldi grazie alle zone d’ombra appositamente studiate.

L’obbiettivo del museo è quello di far conoscere ai turisti le bellezze di questo straordinario e unico lembo di terra e di farle riscoprire ai locali, cercando di favorire il rispetto e la tutela di un raro e prezioso ecosistema.

  • crediti fotografie © Victoria Murillo/Istmophoto.com
Marta Boriani

Marta Boriani Architetto

-

Ti potrebbero interessare anche...