Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. OK

Isolamento a cappotto: il cappotto esterno ed interno a confronto

Per isolamento a cappotto si intende la tecnica di rivestire le pareti degli edifici di isolante termico.

Quando l’isolante è applicato all’esterno della struttura, la tecnica di isolamento viene comunemente definita “cappotto esterno”. Al contrario, quando lo strato isolante è applicato all’interno della struttura, si parla di “cappotto interno”.

Le caratteristiche dei due sistemi di isolamento termico a confronto

Il cappotto esterno

Il cappotto esterno è la tecnica che consiste nell’avvolgere l’edificio nell’isolante termico.

  • L’isolamento termico, nel caso del cappotto esterno, si applica esternamente alla struttura;
  • È in grado di ridurre le dispersioni attraverso le pareti ed eliminare gli effetti dei ponti termici (come calcolare i ponti termici con la norma UNI TS 11300:2014) e ridurre i rischi di condensa superficiale;
  • Non limita la superficie interna;
  • Necessita di impalcature per essere installato;
  • È un intervento costoso (materiale, posa in opera, impalcature);
  • Determina un aumento di volumetria;
  • Implica un intervento sulla facciata.

Il cappotto interno

Il cappotto interno è la tecnica che consiste nel rivestire le pareti interne dell’edificio di isolante termico.

  • L’isolamento termico, nel caso del cappotto interno, si applica internamente alla struttura;
  • È in grado di ridurre le dispersioni attraverso le pareti e di creare un ambiente ostile alla formazione di muffe (Muffaway propone muffaway® PANNELLO ANTIMUFFA, pannello isolante a capillarità attiva, traspirante, igroregolatore, alcalino per un naturale effetto antimuffa).
  • Limita la superficie interna;
  • Difficoltà di applicazione in alcune zone della casa (dietro cucina, armadi);
  • È un intervento meno costoso (meno materiale, ridotti tempi di posa, semplicità di applicazione);
  • Non determina un aumento di volumetria
  • È la soluzione preferibile nei casi in cui non si può agire sulla facciata esterna (edifici antichi).

Sia nel caso di isolamento a cappotto esterno che isolamento a cappotto interno è importante che i materiali scelti siano traspirabili (per far sì che l’umidità generata all’interno superi la barriera rappresentata dall’involucro edilizio senza condensare all’interno della parete o sulla sua superficie) e caratterizzati dai giusti valori di porosità, alcalinità e assorbenza.

Scopri come scegliere gli isolanti per l’isolamento a cappotto e consulta una tabella dei principali materiali isolanti con l’indicazione di densità e conducibilità termica.

e-max.it: your social media marketing partner