Biciclette nei bunker: pedalare per sopravvivere

biciclette-bunker-a

Pedalare per passione osservando viali alberati in città o paesaggi naturali; in palestra, per dimagrire ed allenare i muscoli; per necessità, nei luoghi in cui la bici diventa l’unico mezzo di trasporto per merci e persone. Ed infine, pedalare per sopravvivere come nei bunker sotterranei e nei rifugi anti–bombardamento, dove i km percorsi si tramutavano in aria pura da respirare. Come può una bicicletta salvare vite umane? In periodo diguerre e bombardamenti, nei locali blindati e oscuri, le pedalate azionavano, in caso di black–out totale, i sistemi di areazione e ventilazione. Al suono delle sirene o sotto i colpi di granate troppo ravvicinate, si correva nei rifugi anti–aereo: la forza fisica umana e le cyclette, modeste ma efficienti, permettevano di rimanere a lungo al sicuro.

In copertina: Rifugio Piazza Risorgimento, Torino. © Bruna Biamino – MuseoTorino

Guerra e pace: la ricostruzione del rifugio alpino distrutto nella II Guerra Mondiale

I “SISTEMI A PROPULSIONE UMANA”

Nei bunker il ricambio d’aria era garantito normalmente da motori elettrici ma, in caso d’interruzione di energia, si doveva ricorrere a metodi alternativi: da semplici manovelle da girare a mano ai più sofisticati modelli con tandem o biciclette singole. La maggior parte di queste, tranne rari casi, erano collegate ad un volano che attivava direttamente il ventilatore/aspiratore. In questo modo, l’areazione era assicurata dai ciclisti, mentre l’illuminazione avveniva con lampade a batteria o candele. I ventilatori a motore elettrico ad una pedaliera potevano garantire l’aereazione fino a 90 persone, a due pedaliere fino a 180.

La Società Anonima Bergomidi Milano fu una tra le più importanti aziende produttrici, specializzata anche in porte ermetiche antigas. Il modello delle cyclette era costituito da un telaio tubulare con sellini, pedali e, in aggiunta rispetto le tradizionali, vi era un gruppo di trasmissione coperto da carter collegato direttamente al ventilatore e non ad una dinamo. I dispositivi erano inoltre caratterizzati da tubazioni, deviatori per selezionare le funzionalità, filtri e flussimetri per misurare i livelli di ossigenazione (misurati in mc/h) e sapere esattamente quante pedalate erano necessarie per il ricambio completo dell’aria.

A sinistra, Tandem presenti nel Ricovero–bunker di Palazzo Uffici Eur; a destra, Rifugio Famiglia Savoia villa Ada, Roma. © Eur SpaA sinistra, Tandem presenti nel Ricovero–bunker di Palazzo Uffici Eur; a destra, Rifugio Famiglia Savoia villa Ada, Roma. © Eur Spa

Modello di un “Elettroventilatore a quattro pedaliere” della Società Anonima Bergomi di Milano. © Dalmine Spa – Archivio Fondazione DalmineModello di un “Elettroventilatore a quattro pedaliere” della Società Anonima Bergomi di Milano. © Dalmine Spa – Archivio Fondazione Dalmine

Tali meccanismi, più o meno spartani, sono stati ritrovati a Roma nel Rifugio del Palazzo degli Uffici (EUR) e nel Rifugio della Famiglia Savoia a villa Ada, a Milano nel Rifugio di viale Moscova e di via Antonio Tanzi (ex Innocenti) ed ancora, a Torino, Verona, Rovigo, Bolzano e Genova, Gardone Riviera (Bs) e Dalmine (Bg). Ben conservata e diversa dalle altre, è la bicicletta presente nell’immenso rifugio di Torino in piazza Risorgimento, dove la ruota anteriore è sostituita da una dinamo per la produzione dell’energia elettrica ed è saldata su un carrello per spostamenti all’interno delle vaste gallerie.

Rifugio di piazza Matteotti, Bolzano. © Gino Bombonato – Cooperativa TaliaRifugio di piazza Matteotti, Bolzano. © Gino Bombonato – Cooperativa Talia

È singolare che tali sistemi siano spesso stati ritrovati presso le sedi delle Prefetture, forse installate seguendo una direttiva specifica. Il Network Italiano Bunker e Rifugi Antiaerei (Nibra), che sta raccogliendo informazioni e documenti storici su tutti i bunker, ha anche censito le biciclette ritrovate in una dozzina di città italiane. I rifugi di guerra, per lo più chiusi e abbandonati, versano in uno stato di degrado, con scarsa messa in sicurezza e ricorrenti atti di vandalismo. È urgente e doverosa una tutela di tali reperti, auspicabile anche per attivare un turismo alternativo (anche grazie ad associazioni come la Berliner Unterwelten a Berlino) interessato all’archeologia di guerra.

biciclette-bunker-e

Modello di un “Elettroventilatore a quattro pedaliere” della Società Anonima Bergomi di Milano. © Dalmine Spa – Archivio Fondazione DalmineModello di un “Elettroventilatore a quattro pedaliere” della Società Anonima Bergomi di Milano. © Dalmine Spa – Archivio Fondazione Dalmine

L’ENERGIA CINETICA

Sfruttare l’energia prodotta dalle pedalate non è quindi una novità. La forza cinetica prodotta dall’attività fisica può essere utilizzata per disparati modi, come nelle recenti palestre ecologiche che producono energia, nei divertenti concerti a pedali, o, più banalmente, per caricare i cellulari con semplici dispositivi posti sul manubrio, che funzionano come le vecchie dinamo.

Da una ricerca di Lorenzo Grassi.

Elisa Stellacci

Elisa Stellacci Architetto

Di origine barese e studi ferraresi, si occupa di architettura e grafica a Berlino. Lavora in uno studio di paesaggio, adora le ombre, concertini indie-rock e illustrazioni per bimbi. Volubile e curiosa, si perde nei dettagli e divide non equamente il tempo tra lavoro, amici e passioni.