Una rete di imprese per la riqualificazione energetica degli edifici

rete-irene-riqualificazione-b

Vi piacerebbe vivere in un’abitazione che non solo risparmia ma, addirittura, guadagna? Rete Irene, un cluster d’imprese che vuole esprimere un nuovo concetto di riqualificazione energetica degli edifici, si propone di applicare un sistema integrato di attività, innovativo ed esclusivo, che riesce a trasformare l’unità abitativa in modo efficiente dal punto di vista energetico ma anche economicamente efficace e rispettosa dell’ambiente.

Spreco energetico negli edifici pubblici: responsabili e possibili soluzioni

L’ambito traguardo di Rete Irene è di divenire un punto di riferimento nel campo della riqualificazione energetica per tutti quelli che vogliono adeguare abitazioni e edifici ai migliori standard europei di efficienza, ovvero ridurre le spese di riscaldamento e le emissioni inquinanti, aumentare il valore patrimoniale e rispettare l’ambiente.

Il legame tra ambiente ed energia è infatti molto forte: tanto per fare un esempio, un appartamento di 80 mq a Milano consuma 160 mc di combustibile in un anno, vale a dire, con i prezzi che abbiamo in Italia, circa 1500–1600 euro solo per il riscaldamento. Lo stesso appartamento emette nell’atmosfera circa 3,6 tonnellate di CO2 l’anno.

I costi per il riscaldamento milanese sono quasi il doppio rispetto a Parigi o a Berlino; nella città lombarda solo un edificio su cento è in classe energetica A o A+.
Secondo la fonte Finlombarda, il 5,5% degli edifici è in classe B, il 7,4% in classe C e addirittura una casa su due, cioè il 51,6%, è in classe G, l’ultima della graduatoria, con un fabbisogno energetico medio annuale (solo nell’Italia settentrionale) attestato attorno a un valore di 202,8 kWh/mq, numeri pessimi su cui vi è l’obbligo di intervenire, individuando l’intervento più opportuno per ogni singola casa o edificio.

Tutto questo cosa significa? Significa che gli edifici lombardi consumano e inquinano di più rispetto ai paesi europei confinanti, da 1,5 a 3,5 volte più energia ed emissioni inquinanti.

Perché accade questo? Perché c’è un’altissima percentuale d’impianti di riscaldamento antiquati e obsoleti (e non solo in Lombardia) e per la debole tenuta dell’involucro edilizio. Infatti, quanto più un edificio è datato, tanto più è alto il suo fabbisogno energetico, fino a tre volte rispetto a un immobile nuovo.

rete-irene-riqualificazione-c

Rete Irene interviene grazie al servizio REN (Riqualificazione Energetica) con un esame completo dell’intero edificio o della singola abitazione, individuando gli sprechi energetici e le cause d’inquinamento, proponendo quindi le soluzioni più vantaggiose, efficaci e rispettose dell’ambiente.

Elena Bozzola

Elena Bozzola Architetto

Si è laureata quando la parola “sostenibile” la pronunciavano in pochi e lei si ostinava a spedire email sulla tutela ambientale a tutti i suoi amici. L’incontro con Architettura Ecosostenibile è stato un colpo di fulmine. Ama la fatica delle salite in montagna e una buona birra ghiacciata dopo la discesa.

Ti potrebbero interessare anche...