Il Padiglione italiano per l’Expo 2015 e la valorizzazione del Made in Italy

padiglione-italiano-expo2015-d

147 è il numero dei partecipanti attivi alla progettazione del Padiglione Italiano; tra questi spiccano i nomi di Diana Bracco, Commissario Generale, e Marco Balich, ideatore del concept, con l’ausilio dello Studio Nemesi & Partners s.r.l, Proger spa e BMS Progetti s.r.l. La piazza coperta del padiglione per Expo 2015 sarà incentrata su percorsi e suggestioni legate all’esaltazione del Made in Italy, mentre luci e forme sottolineeranno l’aspetto sostenibile e tecnologico dello spazio, lo scambio continuo di energia con l’esterno e la sua interazione col contesto.

Padiglione austriaco per l’Expo 2015: una foresta alpina come inno alla natura

A nord del Cardo, un’area larga 35 m per una lunghezza di 325 m, il tema verterà sulla rappresentazione dei territori e le regioni italiane, mentre a sud le filiere del Made in Italy esalteranno i concetti di alimentazione e sostenibilità, secondo i canoni italiani.

padiglione-italiano-expo2015-c

IL CONCEPT

La Natura Primigenia è l’icona che ha ispirato il progetto del Padiglione Italiano, generando la forma di un albero le cui radici si diramano negli spazi espositivi.

L’esaltazione de “l’eccellenza italiana” e del “saper fare”, propri del Made in Italy, trovano luogo nelle trasparenze della facciata, di vetro e materiali fotosensibili, nella natura e nell’acqua, elemento primario nella rappresentazione della nascita, dell’esistenza e della rigenerazione.

padiglione-italiano-expo2015-a

EXPO MILANO 2015

La prima Esposizione Universale fu quella di Londra nel 1851, al Crystal Palace di Hyde Park, soprannominata The Great Exhibition; di norma, al termine dell’evento, parte delle strutture vengono smantellate e le restanti convertite o riutilizzate.
In alcuni casi, i padiglioni sono diventati simbolo della città, ad esempio la Torre Eiffel (Exposition Universelle di Parigi, nel 1889), il Palazzo di Arti e Industria della Smithsonian Institution a Washington (Centennial Exposition, nel 1876) e l’Acquario di Genova (Expo 1992).

Dal 1 Maggio al 31 Ottobre 2015, si terrà l’Expo a Milano, che fonderà i temi legati alla sostenibilità e alla tecnologia con l’educazione alimentare, tramite una panoramica delle risorse disponibili a livello planetario.
Il tema scelto è il seguente: nutrire il pianeta, energia per la vita.

padiglione-italiano-expo2015-e

padiglione-italiano-expo2015-f

Lo spazio espositivo si organizza su due assi principali, il Cardo e il Decumano, soprannominato World Avenue, che si incontrano in uno spazio di 74 m x 74 m, denominato Piazza Italia.
Sulla piazza si affacciano i quattro grandi blocchi funzionali: l’area espositiva, l’area eventi, l’area uffici e l’area istituzionale.
Lungo il Cardo sono stati allestiti lotti che vanno dai 500 mq ai 5000 mq, per un totale di 150.000 mq; area dove sarà possibile realizzare in loco il proprio padiglione, a patto che rispetti i principi cardine imposti per questa Expo:

  • uso di materiali sostenibili e riciclabili
  • edifici temporanei facile da smantellare
  • consumo di energia ridotto
  • cura dell’area verde e del paesaggio
  • uso del 50% del lotto adibito a spazio aperto.
Simona Tannino

Simona Tannino Laureata in Architettura

Adora fare fotografie, scrivere e viaggiare. Quasi quanto lo shopping! Affascinata dalle grandi metropoli, si trasferisce nella City alla ricerca di nuovi stimoli. Un suo desiderio è riuscire a conciliare le sue due grandi passioni: architettura e danza. Colleziona Lego, tra un cantiere ed una mostra d’arte. Ah, è famosa per il suo tiramisù!

Ti potrebbero interessare anche...