Barcellona World Smart City Award 2013. Il premio per i progetti di città intelligenti

AAA

Le premiazioni dei prossimi vincitori del concorso World Smart City Award si celebreranno nell’ambito della fiera di Barcellona (sede nuova) – dal 19 al 21 di novembre– in occasione del congresso sullo sviluppo delle città intelligenti istituito tre anni fa per promuovere i migliori modelli capaci di centrare due obiettivi antitetici: portare benessere –ad una popolazione in continuo aumento – e allo stesso tempo ridurre gli effetti del cambio climatico dovutiall’aumento dell’azione antropica sul Pianeta. Vediamo quali sono gli aspetti, contemplati nella progettazione sostenibile, richiesti per concorrere in una delle tre categorie di competizione, le modalità per partecipare e la scadenza per inviare le proposte.

Cos’è una Smart City?

LE CATEGORIE

Possono partecipare al concorso di Barcellona tutte le proposte –purché in linea con gli obiettivi strategici indicati nel bando del World Smart City Award– ad una sola delle seguenti categorie:

  • Città
    Il criterio premia la città per la sua strategia globale sviluppata per combinare in modo perfetto progetti, iniziative e politiche in corso in due o tre temi–obiettivo contemplati nel bando. La strategia deve essere innovativa, collaborativa e implicare sforzi in termini di sostenibilità.
  • Progetto
    Il criterio premia il più innovativo e apprezzato progetto sviluppato in una tematica prevista dal bando. I progetti possono essere già realizzati o in corso di realizzazione.
  • Iniziativa innovativa
  • Il criterio premia un’iniziativa ecologica nella fase iniziale di sviluppo o encomiabile per l’approccio sociale innovativo.

Scarica il bando

GLI OBIETTIVI

L’evento Smart City nel suo complesso, quindi non solo il concorso ma anche la fiera e il congresso, è costruito attorno al concetto di “Società intelligente e innovativa” il quale contempla otto temi–obiettivo.In altre parole, sono le tracce su cui i partecipanti potranno formulare come progettisti, come relatori o come espositori rispettivamente: proposte, interventi oggetto di dibattito e prodotti o servizi riconducibili alle seguenti aree d’interesse:

  • Energia (fonti rinnovabili)
  • Tecnologia & Innovazione (ICT)
  • Città collaborative & Società intelligente
  • Ambiente costruito sostenibile
  • Governance & Economia
  • Mobilità
  • Smart Geo
  • Città Resilienti & Sicurezza.

Come possiamo immaginare dai menzionati temi, l’evento attrae non solo i consueti progettisti, urbanisti o architetti, ma anche esperti internazionali in materia di pianificazione strategica e dunque anche numerosi altri portatori d’interessi come grandi decisori politici, imprese nonché ricercatori con lo scopo di farli interagire, condividere, illustrare e conoscere un settore economico emergente, un’area in espansione nei prossimi anni con un grande potenziale di giro d’affari.

Partecipare è un’ottima occasione per confrontarsi con professionisti internazionali e, perché no, per visitare la capitale catalana, esempio eclatante di una politica organica di riqualificazione urbana partecipata e magistrale catalizzatrice sia di ingenti finanziamenti pubblici comunitari –sin dagli anni ’80 appena entrata nella UE– e sia di capitali privati stranieri. Non è un caso che il “modello Barcellona” s’insegna nelle facoltà di pianificazione urbanistica e architettonica.

IL PREMIO 2013

L’ente organizzatore, Smart City Expo World Congress, ha stanziato ben 31.000 euro ripartiti nelle tre categorie come segue:

  • Premio alla migliore città: 15.000€
  • Premio al migliore progetto: 8.000€
  • Premio alla migliore iniziativa innovativa: 8.000€

barcellona-smart-city-award-b

Inoltre, ai vincitori sarà consegnata la targa che riprende il disegno della facciata della nuova sede della fiera –progettata da Toyo Ito e situata a Hospitalet lungo la Gran Via– nonché offerto un servizio gratuito di pubblicità attraverso differenti mass media.

CHI PUÒ PARTECIPARE

Le città che abbiano attivato politiche di sviluppo smart, o figure con visione innovativa e portatori di soluzioni per Smart City come ad esempio: imprenditori, centri di ricerca, ONG ed enti pubblici o consorzi (publici–privati).

Per iscriversi al concorso è necessario compilare (rigorosamente in inglese, n.d.t.) il modulo on–line.

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE E SCADENZA

Le proposte saranno accettate fino al 20 settembre. La selezione dei vincitori del World Smart City Award 2013, per ciascuna delle tre categorie, avverrà entro il 23 ottobre 2013.
Le proposte dovranno attenersi alle seguenti indicazioni:

  • Il titolo non dovrà superare i 50 caratteri.
  • La descrizione sintetica non dovrà superare i 300 caratteri.
  • Il sommario non dovrà superare i 2.000 caratteri e potrà includere i seguenti aspetti: i problemi risolti, il valore aggiunto (added value) della proposta, le conclusioni, il contesto, lo stato dell’arte e i test dell’implementazione, la metodologia adottata per la soluzione, ed ogni altra informazione utile alla comprensione dell’idea principale della proposta.
  • Le parole chiave sono concesse fino ad un massimo di 50 caratteri.

I PREMIATI DELL’ULTIMA EDIZIONE

Premio alla migliore città 2012: Amsterdam

“Open Data” è il sistema premiato e avviato nel campo della mobilità urbana nella città di Amsterdam. Il Dipartimento di Infrastrutture e Trasporti della capitale olandese ha messo a disposizione del pubblico tutti i dati generati dalla sua flotta di trasporti con l’obiettivo di stimolare lo sviluppo di nuovi prodotti e applicativi per dispositivi mobili in grado di offrire il migliore servizio ai propri cittadini.

L’obiettivo strategico punta a sviluppare il migliore applicativo possibile per diffondere le informazioni sui trasporti urbani multimodali e, in questo modo, migliorare la circolazione e dunque la mobilità nei centri cittadini altamente congestionati.

Premio alla migliore iniziativa innovativa: Città di Guatemala

Il Municipio di Città di Guatemala (capitale del Guatemala, n.d.t.) è stato premiato per il suo progetto di finanziamento misto (pubblico–privato) di pannelli fotovoltaici per alimentare l’illuminazione pubblica della città e delle case delle 400 famiglie meno abbienti. L’iniziativa, inserita nel programma di sviluppo dell’edilizia residenziale popolare, contempla l’installazione di: 1.400 moduli fotovoltaici –per un risparmio del 20% dei consumi elettrici– e di 1.000 lampioni pubblici alimentati con energia pulita a basso costo.

Premio alla migliore soluzione ambientale: Big Belly Solar

Big Belly Solar sta per “grande pancia alimentata ad energia solare”. Si tratta di un sistema integrato di raccolta dei rifiuti urbani di compattazione pensato per la città di Philadelphia. Le stazioni dotate di questo sistema raccolgono le diverse frazioni di residui e le compattano mediante una pressa alimentata da un pannello fotovoltaico. In questo modo, il sistema consente di moltiplicare per cinque la capacità di immagazzinaggio dei cassonetti tradizionali. I sensori delle stazioni, così progettate, avvisano gli operatori –mediante una connessione senza cavi (wireless)– quando si rende necessario il loro intervento per svuotare i cassonetti.

Il sistema dunque riduce significativamente la spesa pubblica per trasporto e personale addetto alla raccolta rifiuti. Philadelphia, grazie a questa idea innovativa, risparmiò un milione di dollari solo nel primo anno di attivazione del servizio ecologico senza poi calcolare: la riduzione del consumo di combustibile, generalmente bruciato per realizzare rotte inutili e, in ultima analisi, la riduzione delle relative emissioni in atmosfera di CO2 nonché di polveri sottili cancerogene.

Per ulteriori approfondimenti, riguardo allo storico delle premiazioni, rimandiamo al sito ufficiale dell’evento Smart City Expo.

Giovanna Barbaro

Giovanna Barbaro Architetto e Tecnologo

Deve il suo carattere cosmopolita a Venezia, dove si laureò in architettura (IUAV). Dal 2008 europrogettista nei settori green economy e clean tech. Nel 2017 ha realizzato uno dei suoi più importanti sogni: fondare Mobility-acess-pass (MAP), un'associazione no profit per la certificazione dei luoghi pubblici per le persone con disabilità motorie. Tra i suoi hobby preferiti: la fotografia e la scrittura

Ti potrebbero interessare anche...