Dati e numeri del rischio idrogeologico in Italia

Sentiamo purtroppo quasi quotidianamente notizie di alluvioni e smottamenti che segnano il nostro territorio e vediamo le immagini di strade allagate, case distrutte, attività cessate a causa dei danni del maltempo. Negli ultimi anni i fenomeni legati al rischio idrogeologico sembrano aumentati sia dal punto di vista meteorologico, con la comparsa di eventi violenti e rapidi, sia dal punto di vista delle conseguenze, che contano danni e vittime.

LA TUTELA DEL SUOLO ITALIANO

L’ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ha recentemente pubblicato l’annuario dei dati ambientali del 2013, allo scopo di monitorare e quantificare il fenomeno del rischio idrogeologico.

Nella pubblicazione sono presenti dati riguardanti l’inquinamento, lo sviluppo demografico e il consumo di suolo, i dati climatici, i dati sullo sviluppo industriale, numero di provvedimenti in materia ambientale e altri dati correlati a questi temi.

Per avere un quadro completo del rischio è bene analizzare i dati relativi alle due componenti di questo rischio: il cambiamento climatico e i dati relativi all’uso del suolo e alle opere realizzate.

rischio-idrogeologico-b

IL CLIMA IN ITALIA

Nella sezione “Atmosfera” dell’annuario possiamo leggere i dati relativi alle condizioni dell’aria e al meteo.

L’Italia ha raggiunto il limite stabilito dal Protocollo di Kyoto per quanto riguarda l’emissione di gas serra. Tale obiettivo si è raggiunto nell’anno 2012. Oltre l’80% del totale di gas serra emessi viene dal settore energetico. Una più attenta politica per i risparmio energetico e l’incentivo all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili potrebbe di molto diminuire le emissioni.

Per quanto riguarda l’inquinamento troppe sono ancora le stazioni meteo, circa il 40% del totale, che hanno rilevato nel corso dell’anno valori oltre il limite di PM10, ozono, biossido di azoto e altri agenti inquinanti.

Il cambiamento climatico è indiscutibile, nel 2013 l’anomalia della temperatura è stata di 1,04°C, superiore a quella globale che è stata di 0,88°C. Nel 2013 il numero medio di notti tropicali, cioè con temperatura minima maggiore di 20 °C è stato superiore al valore normale: in media, circa 10 giorni in più nell’anno.

È stato inoltre rilevato un surplus di precipitazioni e di mareggiate soprattutto in Italia Centrale e Meridionale.

rischio-idrogeologico-c

IL TERRITORIO ITALIANO

L’annuario ha analizzato la variazione dell’urbanizzazione nel limite dei 300 m dalla costa, aumentata nel solo 2013 di 1,5%. Sono stati raggiunti gli 8 mq al secondo di suolo consumato, mentre per quasi 50 anni la media è stata di 7.

La percentuale di suolo impermeabile, responsabile per la gran parte dei danni dovuti a precipitazioni improvvise, raggiunge il 15% soprattutto nelle fasce costiere e pedemontane, quelle più sensibili.

Solo l’80% dei procedimenti di VAS, valutazione ambientale strategica, e VIA, valutazione di impatto ambientale, raggiunge il completamento.

A fronte di cambiamenti climatici che non possiamo per alcuni aspetti modificare, i dati presentati mostrano invece come ancora molto si possa fare per la tutela del nostro territorio.

Giulia Azzini

Giulia Azzini Ingegnere

Appassionata di architettura sostenibile, le piace scrivere e coniuga qui le due cose. Tra un buon libro e un’escursione in montagna si tiene sempre aggiornata. Ama reinventare la propria casa e quella di familiari o amici.

Ti potrebbero interessare anche...