Progetto BRICKS: la formazione professionale nella riqualificazione energetica

Il progetto europeo BRICKS Italia (Buildings refurbishment with Increased Competences Knowledges and Skills-Ristrutturazione degli edifici con Competenze, Conoscenze e Abilità Aumentate) nasce come progetto dell'iniziativa strategica BUILD UP Skills – Pillar II, a carattere europeo, il cui scopo è una formazione per creare una forza lavoro qualificata nel campo dell'efficienza e della riqualificazione energetica nel settore edile.

Obiettivi del progetto BRICKS

Il progetto europeo BRICKS Italia, coordinato dall’ENEA insieme ad altri soggetti tra cui regioni e provincie autonome, vede nella professionalità della mano d'opera la migliore garanzia per l'edilizia del futuro.

La prerogativa della strategia, co-finanziata dal piano europeo Intelligent Energy Europe IEE, è ottenere un'adeguata competenza professionale nell'ambito della efficienza energetica: un fattore imprescindibile per garantire sia la qualità degli interventi in campo edilizio che la soluzione più appropriata (congiunta alle richieste dell'utente).

Ed è proprio l'alto valore dei progetti architettonici l'obiettivo del programma, ottenibile tramite la realizzazione di un sistema di formazione nazionale volto a migliorare le abilità e le conoscenze dei lavoratori per la riqualificazione energetica degli edifici e, in generale, l'impiego di fonti energetiche rinnovabili.

Scopo e programma del progetto BRICKS

Ottenere entro il 2030 un parco edilizio a “energia quasi zerodefinendo un repertorio nazionale dei mestieri nell'edilizia ed una metodologia specifica per realizzare un sistema di formazione omogeneo che superi le attuali differenze regionali entro il 2020 (in linea con gli obiettivi 20-20-20 che ciascuna regione italiana si prefigge).

Ad oggi ci sono 3 milioni di italiani lavoratori impiegati nel settore edilizio, tutte figure professionali da potenziare trasformandole in una nuova classe di tecnici ed operatori competenti e all'avanguardia nel settore dell'efficienza e della riqualificazione energetica. La definizione di norme tecniche nazionali per le diverse figure impegnate prevede l'adattamento al sistema italiano delle buone pratiche già attuate in ambito europeo per l'elaborazione di uno schema per la certificazione delle competenze. Insomma, un sistema di certificazione uniforme con reciproco riconoscimento in Italia e in Europa.

Le prime azioni del progetto BRICKS sono già cominciate. Sono ormai in atto corsi di formazione professionale svolti direttamente in cantiere, dotati del materiale didattico necessario (30-40 ore circa).
Ancora, i Ministeri di Ambiente, Lavoro e sviluppo economico produrranno una “Policy Paper” in cui si delineeranno le operazioni da sviluppare su tutto il territorio nazionale in modo da favorire sempre più le aziende che presentano un personale qualificato e volto alla conoscenza della materia dell'efficienza energetica ed utilizzo di fonti rinnovabili.
A questo proposito è stata indicata la creazione di un “Marchio di qualità” per le compagnie che utilizzano personale qualificato.

In definitiva, un nuova ventata di sapere in materia di efficienza energetica sta invadendo il settore dell'edilizia a tutti i livelli con l'auspicio che gli enti interessati e partners facciano fruttare i finanziamenti tanto attesi conducendo l'edilizia ad un orientamento sempre più sostenibile.

Francesca Caccioli

Francesca Caccioli

Ti potrebbero interessare anche...