La top 30 degli ospedali più sostenibili al mondo. Quanti sono italiani?

Gli ospedali verdi sono sempre più numerosi sia all’estero che in Italia. Una classifica pubblicata sul sito Healthcare Administration Degree Programs ci fa conoscere le 30 strutture ospedaliere più sostenibili del mondo. Scorrendo la lista scoprirete se gli ospedali italiani sono stati abbastanza all'avanguardia da esservi inseriti e quali progressi si stanno compiendo.

In copertina: St. Mary’s Hospital (British Columbia) è tra gli ospedali più verdi del Nord America. Fonte foto: hospitalnews.com.

OSPEDALI GREEN: IL MAGGIE CENTER A LEEDS

Sono in aumento le realizzazioni di ospedali che attraverso alcuni accorgimenti si dimostrano attenti alle esigenze ambientali incrementando ad esempio l’efficienza energetica, prevedendo sistemi per il riciclaggio dei rifiuti o impianti per il recupero dell'acqua piovana, o semplicemente migliorando la struttura stessa dell’edificio con soluzioni tecniche e innovative che puntano all’utilizzo di sistemi all’avanguardia e materiali green. Sta trovando sempre maggiori adesioni il trend positivo dell’eco-sanità, che punta alla costruzione di strutture sanitarie dal ridotto impatto ambientale e ad alta efficienza energetica, grazie all’impiego di fonti alternative e rinnovabili di energia e all’applicazione di criteri di sostenibilità ambientale tanto nella costruzione quanto nella gestione degli edifici.

Numerosi sono inoltre gli ospedali esistenti che stanno aderendo o hanno già aderito a progetti di riconversione delle strutture e degli impianti esistenti.

I 30 ospedali più sostenibili al mondo

Ecco che quindi Tom Stevens ha redatto una lista dei 30 ospedali più sostenibili del mondo, strutture che hanno ricevuto certificazioni ambientali, mostrando un particolare impegno nel riciclo dei rifiuti o prevedendo particolari accorgimenti che consentano di ottenere risparmi energetici.

Nella top 30 compaiono sia strutture di nuova costruzione sia strutture recentemente ristrutturate e riqualificate con l'intento di migliorarne le prestazioni energetiche e, più in generale, di renderle più ecologiche.

La maggior parte di questi edifici ha ottenuto la certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), il programma statunitense di certificazione volontaria degli edifici sviluppato dallo U.S. Green Building Council (USGBC). Tale programma, a seconda del rispetto di alcuni criteri standard come ad esempio il risparmio energetico, il risparmio idrico, la riduzione delle emissioni di CO2, il riciclo di rifiuti, la tipologia di materiali usati, la sostenibilità del sito e il miglioramento generale della qualità degli ambienti interni, certifica le costruzioni ecologicamente sostenibili. Forse anche per questo motivo la classifica è dominata soprattutto da strutture ospedaliere presenti negli Stati Uniti (ben 25 ospedali sui primi 30 ospedali più verdi del mondo). Tuttavia la lista comprende anche due strutture presenti nel Regno Unito, due in Canada e una a Singapore.

La classifica

Le ultime dieci posizioni della classifica degli ospedali più green del pianeta sono occupate da nove strutture ospedaliere statunitensi e una britannica:

30. Rush University Medical Center, East Tower, Chicago, Illinois;

29. Great Ormond Street Hospital, Morgan Stanley Clinical Building, London, U.K.;

28. Johnston Memorial Hospital, Abingdon, Virginia;

27. Bronson Methodist Hospital, Main Building, Kalamazoo, Michigan;

26. Women & Infants Hospital of Rhode Island, South Pavilion, Providence, Rhode Island;

25. Boulder Community Foothills Hospital, Boulder, Colorado;

24. Childrenis Healthcare of Atlanta, Atlanta, Georgia;

23. Anne Arundel Medical Center, Hospital Pavilion South, Annapolis, Maryland;

22. Walter Reed National Military Medical Center, Bethesda, Maryland;

21. University of Colorado Health, Medical Center of the Rockies, Loveland, Colorado.

Risalendo la classifica troviamo, dal ventesimo all'undicesimo posto, sette strutture ospedaliere statunitensi, una canadese, una britannica e l'unica struttura di Singapore.

20. Sentara RMH Medical Center, Harrisonburg, Virginia

19. Sunnybrook Health Sciences Centre, Toronto, Canada

18. University Hospital of South Manchester: Wythenshawe Hospital - Manchester, U.K.

17. Dana-Farber Cancer Institute: Yawkey Center for Cancer Care, Boston, Massachusetts

16. St. Elizabeth Hospital: Heart, Lung & Vascular Center, Appleton, Wisconsin

15. Helen DeVos Childrenis Hospital, Grand Rapids, Michigan

14. Mount Elizabeth Novena Hospital, Novena, Singapore

13. Martha's Vineyard Hospital, Oak Bluffs, Massachusetts

12. UF Health Shands Cancer Hospital, Gainesville, Florida

11. Joe DiMaggio Children's Hospital, Hollywood, Florida

La parte più alta della classifica si apre con un ospedale canadese in decima posizione. Le posizioni seguenti della classifica sono interamente statunitensi.

10. St. Mary's Hospital, Sechelt, Canada

9. Muskogee Community Hospital, Muskogee, Oklahoma

8. North Shore University Hospital: Katz Women's Hospital, Manhasset, New York

7. West Kendall Baptist Hospital, Miami, Florida

6. Legacy Salmon Creek Medical Center - Vancouver, Washington

5. NewYork-Presbyterian Hospital: Vivian and Seymour Milstein Family Heart Center, New York

4. Kiowa County Memorial Hospital, Greensburg, Kansas

Le tre strutture ospedaliere più sostenibili

Il podio di questa top 30 delle strutture ospedaliere più ecologiche è interamente dominato da ospedali statunitensi.

Al terzo posto troviamo il Providence Newberg Medical Center di Newberg in Oregon, progettato da Mahlum. È il primo ospedale statunitense ad aver ricevuto la certificazione Leed Gold e la prima struttura sanitaria negli Stati Uniti a soddisfare l'intero fabbisogno energetico mediante fonti rinnovabili (geotermico, eolico e idroelettrico). Un innovativo sistema di ventilazione inoltre, preleva continuamente aria dall'esterno contribuendo a migliorare la qualità e il comfort degli ambienti interni.

top-30-ospedali-green-b

Al secondo posto si classifica un ospedale texano, il Dell Children's Medical Center of Central Texas di Austin. È il primo ospedale ad aver ottenuto la certificazione Leed Platinum, il più elevato standard previsto dalla certificazione Leed. Sembra quasi più chiara la luce che passa attraverso gli ampi vetri o quella che illumina l’asfalto dei numerosi garage e parcheggi della struttura: questa è, infatti, l’unica realtà pediatrica al mondo costruita quasi interamente con materiale riciclato. Proviene completamente da riciclo, il vetro utilizzato per la fabbricazione delle finestre e anche l’asfalto con cui sono stati ricoperti i numerosi posti macchina dell’ospedale era già stato utilizzato in precedenza altrove.

top-30-ospedali-green-c

Una turbina alimentata da gas naturale, inoltre, produce tutta l’energia elettrica necessaria al funzionamento della struttura, mentre all’esterno, nel giardino, una cascata d’acqua a risparmio idrico e una rigogliosa serie di piante disposte su vari livelli assicurano aria pulita e ricca di ossigeno a tutti gli ospiti e i degenti.

Questo ospedale presenta ulteriori caratteristiche green che lo rendono una delle strutture sanitarie più ecologiche del mondo: l'uso di vernici ecocompatibili, un sistema di illuminazione altamente efficiente, un sistema di raccolta dell'acqua piovana per l'irrigazione dei giardini e per i servizi igienici, impianti per il recupero di calore e un particolare tetto bianco in grado di riflettere la luce del sole e mantenere l'edificio fresco e confortevole in modo naturale.

Infine, è il Children's Hospital di Pittsburgh in Pennsylvania, ad aggiudicarsi la medaglia d'oro di questa top 30 degli ospedali più ecologici del mondo. Presenta svariate caratteristiche che hanno fatto sì che ottenesse ben due certificazioni LEED e che fosse eletto l'ospedale più ecologico del mondo: è stato completamente eliminato l'uso della carta, svolgendo ogni operazione con mezzi elettronici oltre all'uso di materiali riciclati, a sistemi per il recupero dell'acqua, all'efficienza energetica e ad un eccellente sistema di trasporto pubblico e di condivisione di veicoli.

top-30-ospedali-green-d

Quanto sono sostenibili gli ospedali Italiani?

Non bisogna però pensare che queste siano realtà presenti esclusivamente all’estero. Anche in Italia stanno infatti nascendo strutture sanitarie sostenibili. 

Va ad esempio al Meyer di Firenze il primato italiano nel campo dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale. Ha battuto sui tempi tutte le altre strutture italiane, introducendo per primo sistemi avanzati di ventilazione, climatizzazione e illuminazione per ridurre al minimo i consumi energetici e creare un migliore equilibrio termico all’interno. Le zone esterne del giardino, invece, hanno ricevuto la certificazione Bio-Habitat che attesta la gestione degli spazi verdi secondo principi biologici.

Nel nostro Paese inoltre numerose strutture ospedaliere partecipano al progetto europeo denominato “RES – Renovable Energy Sources“, il cui obiettivo è quello di ridurre le emissioni di anidride carbonica prodotte dai 15.000 ospedali presenti in Europa: l’Istituto Europeo di Oncologia, l’ospedale San Matteo di Pavia, l’istituto Humanitas Rozzano, gli ospedali di Ravenna, Rimini, Forlì, Cesena, Genova e Torino.

Con questo progetto, la Comunità Europea si è posta l’obiettivo di individuare delle best practices nel campo della sanità sostenibile da riproporre successivamente in tutte le strutture assistenziali europee.

Presso il Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna, ad esempio, si sta cercando di quantificare il risparmio energetico prodotto dall’impiego della tecnologia LED al posto delle lampadine di tipo tradizionale. L’obiettivo, non è però solo quello di ottenere un risparmio energetico, ma anche quello di rendere più confortevole la permanenza dei pazienti e dei visitatori all’interno delle strutture, accrescendone il benessere visivo.

Tra le bio-innovazioni nell’edilizia sanitaria, occorre ricordare la pavimentazione ecologica dell’Ospedale Brotzu di Cagliari e le coperture dei parcheggi del San Camillo di Roma realizzate con pannelli solari. A San Donato Milanese, invece, vengono serviti già da tempo menu ospedalieri a km zero.

Merita, infine, di essere menzionato, il progetto di ospedale green curato da Renzo Piano, che sarà realizzato a Sesto San Giovanni: la Città della Salute, costruita secondo criteri di risparmio energetico, prevede infatti un parco verde di 450mila mq, in cui avranno un ruolo centrale orti e frutteti con scopi essenzialmente terapeutici.

Roberta Ruggieri

Roberta Ruggieri Architetto

L’architettura e l’arte sono da sempre le sue più grandi passioni, affiancate dall’interesse per la fotografia e dalla pratica del nuoto a livello agonistico. Idealista, crede ancora che un grande impegno porti a grandi risultati, nello sport e nella professione così come nella vita. 

Ti potrebbero interessare anche...