Life 2014-2020: linee di finanziamento e scadenze

Dal 2014 il programma settennale di finanziamento europeo LIFE-MWPA sostituisce il vecchio LIFE PLUS con un budget totale di 3.4 miliardi di euro ripartito in due azioni prioritarie d’intervento della Strategia Europa 2020: il contrasto agli effetti del cambiamento climatico e l’adattamento ad esso. Vediamo in sintesi quali sono le linee di finanziamento del bando e il calendario con le prossime date di pubblicazione e di scadenza. 

CAMBIAMENTI CLIMATICI: 17 PROGETTI PREMIATI DALL'ONU

IL SUB PROGRAMMA "AZIONE PER IL CLIMA"

La dotazione finanziaria per la mitigazione e l’adattamento al cambio climatico è di circa 864 milioni di Euro la quale, per tuta la durata del programma, si divide nelle seguenti tre linee di finanziamento, aventi in comune obiettivi generali come: buone pratiche, progetti pilota dimostrativi, l’implementazione delle politiche e delle legislazioni comunitarie inerenti il presente sub programma; che facilitino lo sviluppo di approcci integrati, così come le strategie e i piani d’azione per la mitigazione del cambio climatico ai vari livelli (locale, regionale o nazionale); infine, che contribuiscano allo sviluppo e alle dimostrazioni di tecnologie innovative per mitigare gli effetti del cambio climatico, di sistemi, di metodi e di strumenti adeguati ad essere replicati, trasferiti o integrati.

bandi-life-a

bandi-life-b

Climate Change Mitigation

Cofinanzia le sovvenzioni che contribuiscano alla riduzione delle emissioni dei gas serra per la mitigazione del cambio climatico, includendo l’integrazione tra i diversi settori d’intervento, in particolare l’approccio manageriale, il rafforzamento della conoscenza di base per lo sviluppo, la valutazione, il monitoraggio, la stima e l’implementazione di azioni mirate, nonché misure funzionali all’implementazione delle conoscenze acquisite con la sperimentazione.

Climate Change Adaptation

Cofinanzia le sovvenzioni che contribuiscano a supportare gli sforzi tesi ad acquisire una maggiore resistenza ai cambiamenti climatici in atto; includendo l’integrazione tra i diversi settori d’intervento compresi, dove appropriati, gli approcci basati su ecosistemi; che migliorino le conoscenze di base sullo sviluppo, sulla valutazione, sul monitoraggio, sulla stima e sull’implementazione di azioni efficaci priorizzando, dove possibile, quelle basate su un approccio ecosistemico e pratico. 

Climate Governance and Information

Cofinanzia le sovvenzioni per progetti di sensibilizzazione e di diffusione che promuovano, o incrementino, il coinvolgimento degli enti pubblici e dei vari portatori d’interesse nelle decisioni politiche a livello comunitario nel settore del cambio climatico, che promuovano la conoscenza dello sviluppo sostenibile e che supportino la comunicazione, la gestione e la diffusione di informazioni riguardo alle problematiche legate al settore in questione e che facilitino la condivisione della conoscenza di soluzioni e di pratiche di successo per contrastare gli impatti negativi sul clima, incluso attraverso le attività di formazione e lo sviluppo di piattaforme di cooperazione tra i vari portatori d’interesse e  che promuovano e che contribuiscano in modo efficace al rispetto dell’applicazione della legislazione comunitaria relativa al cambiamento climatico.

SUB PROGRAMMA PER L’AMBIENTE

La dotazione finanziaria per l’ambiente è di 2,6 miliardi di Euro e si divide nelle seguenti linee di finanziamento. aventi in comune obiettivi generali come: il sostegno di buone pratiche e di progetti pilota dimostrativi, nonché l’implementazione delle politiche e delle legislazioni comunitarie mirati a sviluppare e a collaudare approcci di gestione per la soluzione di problematiche legate all’impatto ambientale.  

bandi-life-c

Environment & Resource Efficiency

E’ simile alla linea di finanziamento Environment Policy & Governance della precedente programmazione LIFE PLUS (ma non copre più i progetti relazionati con il cambiamento climatico). Cofinanzia sovvenzioni per la riduzione delle emissioni di carbonio, incluso lo sviluppo di tecnologie innovative replicabili, trasferibili in altri contesti o integrabili in altri progetti premiando l’approccio rispettoso della stretta relazione tra ambiente e salute, inclusa la riduzione del rumore (direttiva 2002/49/CE). Sostiene l’uso efficiente delle risorse, compresi gli obiettivi sanciti dalla Roadmap europea, il miglioramento delle conoscenze di base in materia ambientale soprattutto nei settori della tutela delle acque (direttiva 2008/56/CE), dell'aria (direttiva 2010/75/UE) e della gestione corretta dei rifiuti (direttiva 2008/98/CE). Sono ammessi al finanziamento anche la definizione di più efficaci metodologie di valutazione e di monitoraggio dei fattori che esercitano un impatto ambientale sia all'interno che all'esterno dell'Unione europea. In questo contesto rientrano tutte le azioni a sostegno della c.d. economia verde, ossia basata su un modello di sviluppo circolare, poiché è una delle priorità strategiche per l'attuazione della tabella di marcia delineata nel Settimo programma europeo d'azione per l'ambiente.

Nature & Biodiversity

È simile alla linea di finanziamento Nature & Biodiversity, della precedente programmazione LIFE PLUS. Cofinanzia sovvenzioni per progetti pilota e azioni che contribuiscano a implementare le seguenti due direttive europee invertendo la tendenza della riduzione della biodiversità e del degrado degli ecosistemi: Birds and Habitats Biodiversity Strategy to 2020, nonché lo sviluppo, il ripristino e la gestione della rete Natura 2000, la quale diventa l’indicatore del successo del progetto che per esempio potrebbe riguardare la creazione di corridoi sicuri per la transumanza di alcune specie.

Environmental Governance & Information

Ingloba elementi della linea di finanziamento Information & Communication della precedente programmazione LIFE PLUS. Cofinanzia sovvenzioni per progetti d’informazione e di sensibilizzazione mirati ad incrementare la conoscenza delle problematiche ambientali, il supporto pubblico e dei vari portatori d’interesse nell’adempimento delle politiche comunitarie su temi ambientali, incluse azioni per promuovere la conoscenza dello sviluppo sostenibile e di nuovi modelli di consumo sostenibile; per facilitare la condivisione di conoscenze di soluzioni e di pratiche di successo nel settore in questione, incluso attraverso lo sviluppo di piattaforme per la cooperazione tra i vari portatori di interesse e la formazione.

bandi-life-e

IL CALENDARIO DEI BANDI

Linea di finanziamento N° di fasi Pubblicazione Scadenza
1-Traditional Projects      
-Climate Change Mitigation           1 01/06/2015 15/09/2015
-Climate Change Adaptation           1 01/06/2015 15/09/2015
-Environmental Governance & Information 1 01/06/2015 07/10/2015
-Environment & Resource Efficiency   1 01/06/2015 01/10/2015
-Nature & Biodiversity                     1 01/06/2015 07/10/2015
-Climate Governance & Information 1 01/06/2015 15/09/2015
2-Preparatory Projects 1 01/06/2015 30/10/2015
3-Technical Assistance Projects 1 01/06/2015 15/09/2015
4-Integrated Projects 1-Concept Notes 01/06/2015 01/10/2015
2-Full Proposals   15/04/2016
5-NGO Framework Partnerships 1 05/2015 06/2015

TASSI DI COFINANZIAMENTO E AMMISSIBILITA’ DEI COSTI

In linea generale, il tasso massimo di cofinanziamento di un progetto varia, dal 55 al 100%, a seconda della tipologia e della sua durata. Tra i costi ammissibili, per alcune linee di finanziamento, sono comprese anche le spese per l’assunzione del personale, per l’acquisto di terreni, ad es. per la creazione d’infrastrutture verdi. Tutte le spese includono l’IVA anche se non è omogenea tra i 28 Paesi e causa di diseconomie, specie se gli introiti generati dalla tassa poi non vengono correttamente gestiti dai rispettivi Paesi, ovvero a beneficio della collettività e dell’ambiente.

Ricordiamo che il 26 aprile del 2007 nel nostro Paese sono state censite 188 discariche abusive, le quali, alla data odierna, risultano ancora non bonificate, ragion per cui è stata comminata una cospicua sanzione dalla Corte di Giustizia Europea (Sez. III, 26 aprile 2007, causa C-135/05) di 40 milioni di Euro, per l’inadempienza dal 9 febbraio 2004, agli obblighi di attuazione di alcune disposizioni delle direttive comunitarie in materia di gestione dei rifiuti e delle discariche. Secondo l’attuale ministro dell’Ambiente la multa è già stata pagata ma la brutta storia non è ancora conclusa: dobbiamo pagare ancora 42,8 euro per ogni sei mesi di ritardo accumulato nelle operazioni di bonifica.

Con l’avvio della nuova programmazione LIFE la Commissione Europea e la Banca Europea degli Investimenti hanno unito le loro forze per sostenere gli investimenti e quindi per contribuire al raggiungimento degli obiettivi in termini di efficienza energetica (PF4EE). La nuova iniziativa della BEI ha stanziato un prestito di 80 milioni di euro per coprire anche le spese per la consulenza tecnica, da parte di esperti esterni, a fronte di progetti a partire da  480.000 euro e oltre.

IL REGOLAMENTO DEL BANDO

Con la comunicazione del 29 giugno 2011: "Un bilancio per la strategia Europa 2020", la Commissione europea riconosce la sfida ai cambiamenti climatici e dichiara l’intenzione di aumentare la proporzione del bilancio dell'Unione da destinare alle azioni per il clima, ovvero almeno il 20 % dei contributi globali.
La Commissione presta inoltre particolare attenzione ai progetti transnazionali, in cui la cooperazione è essenziale, per garantire la tutela dell'ambiente nonché per il conseguimento degli obiettivi climatici; inoltre si adopera per garantire che almeno il 15 % delle risorse di bilancio sia assegnato a progetti transnazionali.
Per approfondire le singole linee di finanziamento, gli obiettivi generali prioritari e gli indicatori di prestazione fondamentali per misurare l’efficacia del progetto, nonché per redigere la richiesta di finanziamento, rimandiamo al regolamento della programmazione LIFE n° 1293/2013 -pubblicato il 20 dicembre del 2013 nella G.U. europea L 347/185.

Giovanna Barbaro

Giovanna Barbaro Architetto e Tecnologo

Deve il suo carattere cosmopolita a Venezia, dove si laureò in architettura (IUAV). Dal 2008 europrogettista nei settori green economy e clean tech. Nel 2017 ha realizzato uno dei suoi più importanti sogni: fondare Mobility-acess-pass (MAP), un'associazione no profit per la certificazione dei luoghi pubblici per le persone con disabilità motorie. Tra i suoi hobby preferiti: la fotografia e la scrittura

Ti potrebbero interessare anche...