Posidonia festival: eventi gratuiti tra arte e sostenibilità in Sardegna

Posidonia-festival-a

Posidonia Festival, cui musa ispiratrice è la posidonia oceanica, è un ecoevento annuale che dal 2008 si celebra in diverse città europee del Mediterraneo coniugando arte, ambiente e sviluppo sostenibile attraverso una serie di iniziative gratuite, divertenti ed interessanti. Dal 9 al 14 luglio il festival ritorna per la terza volta a Carloforte –l’unico centro abitato nell’sola di San Pietro– raggiungibile tramite traghetto da Calasetta,sulla costa sud occidentale della Sardegna a 130 chilometri da Cagliari.

PERCHÈ UN FESTIVAL DEDICATO ALLA POSIDONIA?

Innanzitutto ricordiamo che la posidonia è un’erba che vive in praterie marine a poche centinaia di metri dalle coste del Mediterraneo ed è molto importante per l’ecosistema. La posidonia è la fonte principale di ossigeno per la vita subacquea, cattura la CO2 dall’atmosfera, cambia l’acidità dell’acqua e protegge le coste dall’erosione, per citare solo alcuni dei vantaggi eco sistemici.
I biologi spagnoli hanno stimato che la perdita di queste praterie costiere può seriamente peggiorare il problema del riscaldamento globale e di conseguenza accelerare il cambio climatico, cui effetti sono già evidenti da alcuni anni in tutto il Pianeta.

Posidonia-festival-b

La posidonia spiaggiata: rifiuto o risorsa?

Il Posidonia festival è stato fondato dall’Associazione Posidonia Project, un ente no profit costituito da un team di spagnoli e d’italiani, al quale partecipano anche la catalana Posidonia MED di Barcellona, Lipu e Legambiente, con l’encomiabile scopo di sensibilizzare, specialmente gli utilizzatori di natanti, al problema della scomparsa graduale delle praterie marine.

Dietro al festival c’è un vero e proprio progetto internazionale: il Posidonia Project catalizza tutte le risorse disponibili per invertire, entro il 2014, la tendenza alla riduzione della superficie totale di Posidonia oceanica nel Mar Mediterraneo dovuta principalmente all’azione antropica.
Il progetto di origine spagnola è partito, dando il buon esempio in casa, con le attività di salvaguardia delle piante di Posidonia di Formentera (l’isola delle Baleari dove maggiormente si concentrano i turisti italiani, n.d.t.) fra le quali si annovera la prateria marina più antica conosciuta al mondo (con un’estensione di 8 chilometri e di circa 100.000 anni di vita!) e per tale ragione, nel 1999, è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

L’ECO FESTIVAL A CARLOFORTE

Tra gli eventi del festival organizzati per questa stagione estiva –dal 9 al 14 luglio– vi segnaliamo: concerti, proiezioni di documentari sull’ambientale in riva al mare, un’ecofiera artigiana per diffondere il consumo sostenibile di prodotti e servizi, una serie di divertenti laboratori del riciclo creativo, itinerari guidati nell’Oasi Lipu, trekking, escursioni in barca a vela e kayak. Tutti gli appuntamenti nell’isola di San Pietro sono realizzati in collaborazione con associazioni di volontariato, con il supporto del Comune di Carloforte e sono ad ingresso gratuito grazie alle sponsorizzazioni di enti pubblici e privati.

Partecipare a quest’iniziativa è un’ottima opportunità per sostenere il turismo sostenibile, con un occhio di riguardo per i più piccini.

Per ulteriori dettagli ed aggiornamenti sul programma degli eventi a Carloforte si rimanda al sito del Posidonia Festival a Carloforte.

Giovanna Barbaro

Giovanna Barbaro Architetto e Tecnologo

Deve il suo carattere cosmopolita a Venezia, dove si laureò in architettura (IUAV). Dal 2008 europrogettista nei settori green economy e clean tech. Nel 2017 ha realizzato uno dei suoi più importanti sogni: fondare Mobility-acess-pass (MAP), un'associazione no profit per la certificazione dei luoghi pubblici per le persone con disabilità motorie. Tra i suoi hobby preferiti: la fotografia e la scrittura

Ti potrebbero interessare anche...