“Permacultura per tutti”: scoprire di aver fatto permacultura da sempre

Permacultura-per-tutti-a

“La permacultura può essere descritta come: pensare attentamente seguito da azione minima, invece che azione frettolosa seguita da pentimenti a lungo termine”. Questa è una delle definizioni più calzanti per il neologismo derivato dalla fusione di due termini “permanent” e “agriculture”, dateci da uno dei maggiori esperti del settore: Patrick Whitefield. Il testo “Permacultura per tutti”, che affronta un argomento alquanto nuovo alle nostrelatitudini, si apre con un capitolo che esordisce chiedendo: Cos’è la permacultura? E prosegue domandandosi “Perché l’Italia ha bisogno di Permacultura”.

Attraverso le pagine di questo libro scoprirete di aver fatto permacultura da sempre ma di non averne coscienza, oppure di aver voluto fare qualcosa che almeno concettualmente si avvicinasse alla permacultura ma di aver sbagliato l’approccio iniziale. Dagli insegnamenti del mirto della Sardegna ai “raccolti condivisi” alle porte di Milano vi renderete conto di quanto la varietà di un ecosistema, il valore della tradizione popolare o gli insegnamenti dei nostri avi, messi insieme, possano essere una base solida su cui fondare una comunità sostenibile.

Il concetto di permacultura infatti nasce da un movimento iniziato in Australia oltre 40 anni fa: da allora la progettazione sostenibile rivista secondo i principi della permacultura, sta raggiungendo, sapientemente ed inevitabilmente, una posizione di modello risolutivo all’interno della vastità dello scibile umano.

La permacultura, come visione globale e nello stesso tempo scientifica, riesce ad andare oltre il limite tecnico della progettazione. “Permacultura per tutti” cerca di spiegare con esempi pratici in che maniera la permacultura integri le idee e le pratiche prese – per così dire – in prestito da altre discipline, e principalmente le pratiche riguardanti l’agricoltura tradizionale integrandole con applicazioni derivate da studi empirici.

La permacultura non si pone assolutamente come rigido principio e nel testo di Patrick Whitefield questo si comprende dagli esempi pratici in cui vengono ipotizzati scenari di permacultura per risolvere problemi annosi ma che in realtà richiedono cure assai banali.

Sembrerebbe quasi assurdo pensare ad un mondo più ecosostenibile partendo dalla progettazione delle modalità di alimentazione delle galline ma dalle pagine di permacultura per tutti, ne trarrete il significato.

Nulla in permacultura accade per caso e qualsiasi cosa non ha un fine definitivo ma innesca dei meccanismi che portano alla rigenerazione dell’ambiente circostante.

Scheda tecnica del libro
Titolo: PERMACULTURA per tutti
Formato: tascabile
Editore: Terra Nuova Edizioni
Pagine: 224
Data di Pubblicazione: 2011
Autore: Patrick Whitefield
ISBN–10: 8866810045
ISBN–13: 978–8866810049
Acquista il libro

L’autore
Patrick Whitefield è uno dei maggiori esperti di Prmacultura in Europa. Cresciuto in una fattoria del Somerset si laurea in agronomia presso il Shuttleworth College. È direttore della rivista inglese Permaculture e dal 1990 porta avanti in diversi paesi esuropei corsi, seminari e convegni sul tema della sostenibilità ambientale e la progettazione in permacultura. Ha scritto altri testi sulla sulla permacultura un soggetto particolarmente caro a lui, di cuiPermaculture in a Nutshell (PERMACULTURA per tutti) è quello che per adesso ha avuto più eco nel mondo; tra gli altri vanno ricordati How to Make a Forest Garden and The Earth Care Manual. His latest book is The Living Landscape, how to read it and understand it.
È ormai da anni protagonista del movimento ambientalista della permacultura e dirige tra l’altro trasmissioni per la BCC: “It’s Not Easy Being Green e “A Farm for the Future”.









Mariangela Martellotta

Mariangela Martellotta Architetto

Architetto pugliese. Prima di decidere di affacciarsi al nascente settore dell’Ecosostenibilità lavorava nel settore degli Appalti Pubblici. È expert consultant in bioarchitettura e progettazione partecipata. Opera nel settore della cantieristica. È membro della Federazione Speleologica Pugliese.

Ti potrebbero interessare anche...