Ristrutturazione di un antico rifugio. Nasce Casera Gianin

Lungo la strada forestale che collega Coi, piccolo paesino abbarbicato sulle Dolomiti bellunesi in val Zoldana, ai pascoli di alta quota sulle pendici del monte Pelmo è situata la “Casera Gianin”. In origine era un semplice ricovero per pastori come ce ne sono tanti nella zona abbandonati da anni, oggi è un bivacco. Lo studio di architettura Clinicaurbana ha curato la ristrutturazione dell’edificio mantenendo la struttura e i materiali originari.

IL RECUPERO DEL RIFUGIO DI EL BOSQUET IN SPAGNA

IL PROGETTO DI CASERA GIANIN

Il volume dell’edificio è costituito da un modesto parallelepipedo addossato al pendio della montagna con una copertura a doppio spiovente per agevolare lo scivolamento della neve ed evitare il sovraccarico della struttura del tetto dato che queste zone sono soggette a nevicate copiose. Gli spazi interni si articolano su due livelli: il piano terra è in pietra e ospita in un unico ambiente la zona giorno, mentre il primo piano è in legno e accoglie la zona notte.

casera-gianin-rifugio-b

casera-gianin-rifugio-c

casera-gianin-rifugio-d

La prima questione affrontata dai progettisti in questa ristrutturazione è stata quella relativa ai problemi d’infiltrazione dell’acqua sia dal sottosuolo e dal terreno su cui si appoggia un lato del bivacco, sia dal tetto. Un vespaio in ghiaia grossa è stato realizzato per separare il piano di calpestio del piano terra dal suolo e uno scavo per il drenaggio è stato creato a ridosso della parte limitrofa al terreno. Il manto di copertura in lamiera, che aveva sostituito quello originale e che era ammalorato, è stato ripristinato con uno in scandole di larice tipiche della zona.

casera-gianin-rifugio-e

casera-gianin-rifugio-f

Gli interni sono semplici ed essenziali e i materiali utilizzati sono legno non trattato e pietra. Un enorme focolare posto al centro della stanza al piano terra garantisce il riscaldamento dell’intero bivacco e offre anche la possibilità di cucinare pasti caldi. L’isolamento termico del primo piano è stato realizzato attraverso la posa in opera contro i muri in legno esistenti di lana di roccia rivestita in doghe di larice.

Chiara Nicora

Chiara Nicora Architetto

Architetto interessato ad approfondire i temi legati alla riqualificazione del costruito, progetta case e allestimenti temporanei. Affascinata dal mondo dell'arte in tutte le sue molteplici espressioni, dedica il suo tempo libero come volontaria per il patrimonio culturale.

Ti potrebbero interessare anche...