Eva Lanxmeer, insediamento residenziale ecosostenibile in Olanda

Progetto

Molti i punti forti del progetto:

Rispetto dell’ambiente – il fine del progetto è quello di ridurre la distanza tra abitanti ed ambiente circostante.

Riciclo dell’acqua – l’insediamento è servito da una doppia rete idrica: una di acqua potabile e l’altra di acqua non potabile. L’acqua piovana e le acque bianche dopo essere state filtrate, vengono raccolte e riciclate. Le acque nere vengono invece portate ad una installazione ecologica.

Mobilità – gli alloggi sono posizionati in modo da essere facilmente raggiungibili dalla stazione dei treni e da quella degli autobus per ridurre al minimo l’utilizzo dei mezzi propri e favorire quello dei mezzi pubblici.

Controllo del ciclo dei materiali – la scelta e l’uso dei materiali dipende da considerazioni ecologiche. La struttura è in legno e progettata in modo da poter essere disassemblata e riciclata.

Risparmio energetico – l’insediamento prevede un sistema doppio di pannelli solari e pannelli fotovoltaici disposti a sud–ovest in piena integrazione con i materiali costruttivi di tipo naturale scelti.

Visita il sito della progettista Eva Lanxmeer

Illustrazione più approfondita del progetto

Generico

Resoconto della conferenza internazionale tenutasi a Rotterdam nel giugno 2007: Sustainable Urban Areas

















Antonia Guerra

Antonia Guerra Ingegnere Edile ed Architetto

Architettura Ecosostenibile, che ha fondato durante gli anni universitari, è il suo piccolo gioiello. A Londra, dove vive, progetta case per ricchi signori londinesi. Nel tempo libero si aggira in bicicletta tra i grattacieli della City, organizza pic-nic e si dedica alla pittura ad acquerello.