4 giorni e 4 persone per realizzare una casa passiva low cost

La casa passiva low cost che si realizza in 4 giorni

Ideata dallo studio Multipod, Pop–Up House è una costruzione passiva che associa il legno al polistirolo in un sistema costruttivo low cost e ad alta performance termica. L’idea messa a punto dallo studio di Marsiglia consiste nell’utilizzare una struttura mista, semplice e innovativa che, combinando un’ossatura in legno e blocchi isolanti, permette di costruire facilmente e rapidamente delle abitazioni passive come questa in soli 4 giorni e con un team di appena 4 persone.

Il prototipo di Living Box: in modulo abitabile trasportabile

Pochi giorni e un cacciavite sono tutto ciò che serve per costruire il Pop–Up House. La struttura è completamente costruita unendo blocchi isolanti con pannelli di legno. Questa casa low cost è assemblata con materiali leggeri e riciclabili, che non richiedono utensili speciali per una costruzione rapida.

Casa passiva low cost realizzata in 4 giorni

I materiali utilizzati sono economici quindi il costo rimane basso e l’isolamento creato non comporta l’apporto di un successivo riscaldamento. La casa Pop–Up è un concetto innovativo che mira a sfidare la costruzione tradizionale di case passive.

UNA PASSIVHAUS RAPIDA, LEGGERA ED ECONOMICA

La prima Pop–Up House di 150 mq è stata realizzata in una pineta nel sud della Francia sotto forma di un’abitazione costituita da un solo piano. Ci sono voluti 4 giorni e 4 persone per realizzare la sua struttura, a cominciare dai blocchi in polistirolo espanso di 30cm di spessore, inseriti in un sandwich di materiale composto di strati sottili di legno LVL (Laminato Veneer Lumber), scelto per la sua resistenza meccanica.

Le fasi di realizzazione di Popup la casa passiva low cost

Le fasi finali della realizzazione di una casa passiva low cost

Per questo edificio, è stato utilizzato il montaggio con avvitamento. Infatti, il telaio di legno di Picea e i blocchi isolanti sono stati assemblati con viti da legno lunghe. Questo tipo di montaggio permette una soluzione smontabile e riciclabile al 100%. Inoltre, l’uso del polistirolo espanso a forte densità conferisce all’edificio un’efficienza termica elevata, conforme ai parametri di una casa passiva: meno di 15 kWh/mq consumati per anno.

Largo utilizzo a basso costo
Oltre alla sua rapida realizzazione, il vantaggio di questo processo costruttivo è un costo molto competitivo: 200 euro/mq comprensivi di mano d’opera per la struttura e l’isolamento dell’edificio. A questo costo vanno aggiunte tutte le finiture: impermeabilizzazioni, finiture esterne, finiture interne, elettricità, impianti idraulici, ecc. Ad esempio:

  • Il costo del pre–taglio dell’EPS (polistirolo espanso) varia a seconda di qualità e densità da 15 a 30 €/mq.
  • Per le strisce pretagliate di legno LVL, il costo è di circa 8 €/ml.

La facilità d’uso del legno e del polistirolo, la loro fabbricazione e le loro proprietà meccaniche permettono anche molta libertà nelle forme (architetture classiche o contemporanee) e negli usi (appartamenti, uffici, costruzioni temporanee, etc).

La velocità di montaggio associata con materiali poco costosi rende la Pop–Up House un concetto molto competitivo. Il sistema è stato brevettato e Multipod Studio sta cercando dei partner industriali per produrre e commercializzare questa innovazione.

Schizzi della casa passiva low cost che si realizza in 4 giorni

IL CONCEPT IN 4 PUNTI

  1. Installazione rapida
    L’utilizzo di materiali leggeri
    Nessun attrezzo speciale richiesto
  2. Low Cost
    Materiali poco costosi
    Tempi di montaggio molto brevi
  3. Riciclabile
    Utilizzo di materiali riciclabili
    Smontaggio rapido
  4. Isolamento eccezionale
    Perdita di soli 0,11W/mqK (PASSIVHAUS)
    Nessun ponte termico in corrispondenza dei nodi soffitto/parete
    Quasi nessun sistema di riscaldamento aggiuntivo richiesto.

Sara Bernarotti

Sara Bernarotti Architetto

L’architettura è la sua passione assieme al jazz e al vino. Perfezionista da sempre, innamorata del bello, della tradizione, del design e della fotografia, osserva la vita con curiosità e determinazione. Vive nel sud della Francia restando comunque aggrappata saldamente alle sue origini sarde e toscane.