L’edificio nel bosco assemblato a secco: progetto sperimentale ad energia zero

ufficio-bosco-vicenza-d

Dalla collaborazione tra lo studio di architettura Traverso–vighy e il Dipartimento di fisica tecnica dell’università di Padova nasce un edificio sperimentale ad energia zero a pochi chilometri dal centro storico di Vicenza. L’edificio, progettato per essere la sede dello studio è completamente assemblato a secco, smontabile e costituito da elementi riciclabili e materiali riciclati prodotti da aziende locali, contando una superficie di 190 metri quadri.

Leggi un articolo su un edificio nel bosco

STRUTTURA

La struttura in larice lamellare e acciaio zincato si poggia su due fondazioni longitudinali, il tutto sempre assemblato a secco. La reversibilità di questo edificio, che può essere smontato in qualsiasi momento, si basa sul concetto di rispetto dell’ambiente naturale in cui è stato collocato, ambiente che può essere riportato alla sua condizione iniziale senza alcun impatto negativo su di esso.

Inoltre la scelta del legname di rivestimento e lastre di cor–ten aggraffato, è stata dettata dalla volontà di mimetizzare l’edificio richiamando le stesse colorazioni della vegetazione presente nel bosco circostante.

ufficio-bosco-vicenza-e

ufficio-bosco-vicenza-f

Così come l’involucro si dissimula nel bosco, anche l’interno si riconnette al paesaggio attraverso una grande vetrata che rende possibile la vista di un ampio panorama per coloro che lavorano all’interno dell’edificio.

LUCE

Il disegno dell’edificio è stato pensato per massimizzare l’apporto naturale di luce e calore nel periodo invernale e ridurlo al minimo in estate; la facciata sud è dotata di un portico solare e di tendaggi filtranti automatizzati.

ufficio-bosco-vicenza-h

La luce naturale è integrata da un sistema di luce variabile per quantità (intensità luminosa) e qualità (temperatura e colore).
Il sistema è costituito da barre led incassate a pavimento che producono una luce ambrata fredda; alcuni meccanismi automatici fanno si che la luce interna segua le sfumature dell’ambiente esterno nei giorni di sole o di neve.

ufficio-bosco-vicenza-i

Tutta l’illuminazione è controllata da un sistema di accensione automatizzata unito ad un sistema di “Task lighting” sui tavoli di lavoro.

MATERIALI ED ENERGIA

I materiali usati sono per la maggior parte a Km 0, ovvero prodotti da aziende locali.
Un sistema fotovoltaico è installato sulla copertura dell’edificio, conta 16 pannelli sunpower di 5,6 KW, calcolati in modo da coprire l’intero fabbisogno annuale di energia elettrica.

L’edificio viene climatizzato usando energie territoriali: una sistema di geotermia eolica con pompa di calore alimenta il sistema fotovoltaico ed una caldaia che utilizza anche il legame delle potature del bosco.

ufficio-bosco-vicenza-g

ufficio-bosco-vicenza-l

L’isolamento di pareti e copertura è affidato ad un doppio strato 90 mm di lana di poliestere prodotta dal riciclo di 40.000 bottiglie di plastica; questo risulta essere un ottimo isolante con un minimo impiego di energia nella produzione.

Il sistema di ventilazione avviene attraverso canalizzazioni poste sotto pavimento e collegate ad un recuperatore di calore che trasferisce le proprietà termiche alla nuova aria immessa dall’esterno.

Caterina Quarta

Caterina Quarta Architetto

Matita, carta, libri e colori sparsi nello studio le servono a comunicare progetti in continua rivoluzione. Fare architettura è?...una continua ricerca e passione. Nel frattempo canta canzoni rock, gioca a pallavolo e raccoglie i calzini che il suo gatto pazzo si diverte a nascondere. 

Ti potrebbero interessare anche...