Letti ecologici ed ecosolidali: design versatile per i meno fortunati

leafbed-letto-cartone-b

Si chiama Leafbed ed è un letto brevettato per situazioni di alloggio temporaneo come quali quelle delle emergenze dovute a calamità naturali , guerre o situazioni di estrema povertà.Si tratta di oggetti semplici, letti economici ed ecologici, facili da realizzare, efficienti, ma soprattutto adattabile a qualsiasi contesto perché può essere rapidamente disponibile anche in grandi quantità. Si può capire come l’unica piccola “impronta di carbonio” dovuta al suo LCA derivi dalla produzione – o meglio dal riciclaggio – della materia prima, visto che tutto il resto della fase produttiva, di uso e dismissione sono state stimate essere pressoché nulle.

Arredi di cartone: pro e contro dell’arredamento povero

COME È FATTO LEAFBED

Questo letto in cartone è formato da quattro moduli identici che hanno una configurazione interna già predisposta per il montaggio rapido e semplice. Leafbed non è però solo letto; infatti in alternativa questo brevetto può essere utilizzato come oggetto per l’arredo interno e diventare un tavolino doppio formato da 2 moduli, uno sgabello utilizzando un solo modulo o anche essere usato a mo’ di cavalletto per sorreggere il piano di un tavolo.

leafbed-letto-cartone-b

Da alcune prove di carico si è visto come la capacità di ciascun modulo possa resistere a carichi fino a 300 kg in ambienti con livelli di umidità che arrivano fino al 75% e temperature di 30°C.

leafbed-letto-cartone-e

PERCHÉ IL CARTONE CORRUGATO?

È usato un cartone in doppio strato che risulta essere una sorta di standard del settore del packaging e può essere quindi reperito in tutto il mondo.Fondata nel 2009,La fornitura delle foglie (in inglese leaf supply)è divenuto così un social business; ideato dai francesi Julien Sylvain e NOCC , lo studio di questi designer, con sede a Parigi, ha avuto successo grazie alla stretta collaborazione con i principali produttori di cartoneSmurfit, Kappa Group e Rossmann.

leafbed-letto-cartone-f

leafbed-letto-cartone-g

Leaf supply è già disponibile in tutti i paesi d’Europa, America Latina eAfrica occidentale (35 paesi e 380 impianti). I letti vengono prodotti nello stabilimento più vicino al luogo in cui scoppia l’emergenza,quindi accorciando i ritardi di fornitura per l’aiuto alle persone in difficoltà.
Nel 2011, al suo esordio, ben 300 leafbeds vennero installati in varie località in via si sviluppo come il Niger.

Un riparo di cartone: la tenda biodegradabile per andare in campeggio

leafbed-letto-cartone-c

leafbed-letto-cartone-d

E DOPO IL LEAFBED?

Dal 2011 la creatività degli eco designer non si è fermata, anzi è andata avanti e sono stati brevettati altri tipi di letti “usa e ricicla”.
Fra questi ricordiamo il Disposable Bed, usa e getta, di cartone ecologico, ideato da Nikolay Suslov questa volta per situazioni più vicine alle nostre realtà urbane e periurbane: quelle dei senzatetto.

leafbed-letto-cartone-h

Realizzato anch’esso in cartone ondulato, Disposable Bed è riciclabile al 100% e resistente all’acqua grazie allo speciale trattamento a base di una sostanza impermeabile che lo rende utilizzabile in qualsiasi condizione atmosferica.

leafbed-letto-cartone-i

Vi è poi il celebre “Paperpedic Bed: il letto di cartone che può resistere al peso di 22 persone”. Un po’ più evoluto di Leafbed ma anche più difficile da reperire perché prodotto unicamente in Australia dove è stato ideato!

Mariangela Martellotta

Mariangela Martellotta Architetto

Architetto pugliese. Prima di decidere di affacciarsi al nascente settore dell’Ecosostenibilità lavorava nel settore degli Appalti Pubblici. È expert consultant in bioarchitettura e progettazione partecipata. Opera nel settore della cantieristica. È membro della Federazione Speleologica Pugliese.

Ti potrebbero interessare anche...