La casa bioclimatica che guarda l’oceano

Nell'arcipelago delle Canarie sull'isola di Tenerife nei pressi della cittadina di Granadilla è stata finalmente realizzata una casa bioclimatica pensata nel 1995. L'architetto José Luis Rodríguez Gil pensava e studiava da diversi anni di progettare un'abitazione energeticamente quasi autosufficiente e dalle forme e dai colori in armonia con il paesaggio circostante quasi disabitato che sia affaccia verso l’oceano.

5 ESEMPI DI BIOCLIMATICA LOW-COST

IL PROGETTO DELLA CASA BIOCLIMATICA

L'edificio si sviluppa lungo l'asse Est-Ovest per sfruttare al meglio i venti dominanti: il volume a base rettangolare ha in questo modo la zona giorno esposta a Sud e la zona notte a Nord. Il muro in pietra di basalto, che fa da cesura tra le due parti, costituisce l'elemento generatore del progetto al quale viene addossato da un lato un parallelepipedo e dall'altro una struttura leggera in acciaio zincato e vetro con copertura inclinata a una falda.

casa-bioclimatica-granadilla-b

La casa è disposta su di un unico livello. La cucina, la sala da pranzo e il soggiorno sono ospitati in un unico ambiente che si apre verso la veranda e il paesaggio. La zona notte è costituita da quattro piccole camere da letto e da due bagni. Un lungo corridoio con due finestre posizionate agli estremi permette l'accesso a questi ambienti e favorisce l'afflusso di aria per il raffrescamento naturale.

casa-bioclimatica-granadilla-c

La scelta di inclinare la copertura della zona giorno ha comportato diversi vantaggi in termini di benessere ambientale inteso da più punti di vista: innanzitutto ha permesso di integrare nel volume sia i pannelli solari per la produzione di acqua calda sia i pannelli fotovoltaici per la generazione di energia elettrica; inoltre ha favorito l'inserimento di alcune aperture strategiche per agevolare la ventilazione naturale all'interno degli spazi abitati e la creazione di una veranda.

casa-bioclimatica-granadilla-d

casa-bioclimatica-granadilla-e

I materiali impiegati, privi di elementi nocivi come ad esempio i COV - Composti Organici Volatili - o le vernici sintetiche, sono stati alcuni reperiti in zona, come la pietra di basalto rivestita con lapillo vulcanico, materiale atossico e con un alto potere isolante, mentre altri, come il legno e la struttura in acciaio, provengono dall'industria della prefabbricazione.

Chiara Nicora

Chiara Nicora Architetto

Architetto interessato ad approfondire i temi legati alla riqualificazione del costruito, progetta case e allestimenti temporanei. Affascinata dal mondo dell'arte in tutte le sue molteplici espressioni, dedica il suo tempo libero come volontaria per il patrimonio culturale.

Ti potrebbero interessare anche...