Abitare il futuro: dal 22 al 25 Maggio a Bisceglie

abitare-futuro-bisceglie

Appuntamento per un fine settimana ricco di incontri e seminari con “Abitare il futuro”, evento organizzato da Pedone Working, in collaborazione con Equilibrium , Canapuglia e CFE, presso il cantiere “Case di Luce” a Bisceglie (BT) dal 22 al 25 maggio 2014. Tutti gli appassionati di edilizia biocompatibile, i simpatizzanti di tematiche sostenibili, i più radicali green architects ed i semplici curiosi, non possono mancare a questo importante incontro,

in cui le tematiche saranno affrontate a 360 gradi, attorno ai concetti di benessere abitativo, risparmio energetico, qualità della vita, approccio sostenibile alla progettazione edilizia e stile di vita che salvaguardi la vita.

Gli obiettivi, di interesse generale, oltre che in alcuni incontri squisitamente tecnici, intendono mostrare come una progettazione realmente integrata si componga di più momenti sinergici composti da considerazioni bioclimatiche, energetiche, di oculato utilizzo delle risorse e di armonia con il genius loci del tessuto urbano.

La Festa dell’abitare bene, sarà un corposo evento per sensibilizzare addetti ai lavori, comuni cittadini e istituzioni, a ragionare con approccio nuovo sul tema del vivere la propria abitazione.

L’iniziativa nasce per mostrare le opportunità della canapa nel campo dell’edilizia e non solo, dalla volontà della Pedone Working di Bisceglie, di Canapuglia (associazione che riunisce i produttori di Canapa in Puglia) e di Equilibrium (un’azienda operativa nei settori della nutraceutica e della bioedilizia che si propone di ripristinare la filiera corta della canapa in Italia), in collaborazione con CFE (Centro di Fisica Edile) e Vianova (rete degli operatori che aderiscono al sistema di rating della Sostenibilità Vianova) oltre che del Distretto dell’edilizia Sostenibile Pugliese e dell ANCE Bari_BAT ed ha avuto il supporto 15 aziende partner e una serie di sponsor tecnici. L’evento è stato scelto anche da Canapa Industriale per il lancio del primo numero della rivista cartacea sul mondo della canapa.

Case di Luce” il più grande cantiere europeo di bioedilizia abitativa in calce canapa, progettato da Pedone Studio e realizzato dalla Pedone Working, è l’esperimento, anche economico, di un futuro intelligente che guarda alle tecniche costruttive del passato con grande attenzione e le pone sotto una prospettiva d’avanguardia: tufo (come nella tradizione locale) e biocomposto Natural Beton della Equilibrium in canapa e calce (tutti materiali dal passato illustre e dal presente luminoso). Un approccio che ha destato sin dall’inizio grande interesse nel mondo della sostenibilità tanto che questo progetto nel 2012 ha rappresentato l’Italia alla XIII edizione di “Interarch 2012”, la triennale di Architettura di Sofia (Bulgaria) ed è risultato tra i tre progetti finalisti del Concorso Nazionale Energia Sostenibile nelle Città, nell’ambito della Campagna “Energia Sostenibile per l’Europa” in Italia, promosso dall’INU Istituto Nazionale di Urbanistica, dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, e dall’ANIEM (Associazione Nazionale Imprese Edili e Manifatturiere).

Oltre ad essere case a standard passivo, il top nel campo del risparmio energetico, queste della Pedone Working sono tra le primissime in Italia a raggiungere gli obiettivi Europei che impongono dal 2020 un “ consumo quasi zero” che significa un salto in avanti notevolissimo rispetto a tutto ciò che è presente in questo momento sul mercato. Inoltre, questo risultato è ottenuto grazie ad uso di tecniche innovative che costruiscono un involucro chiamato “muratura vegetale” ottenuto con materiali completamente naturali e dall’impatto sull’ambiente eccezionale, fornendo un sistema di coibentazione adatto al clima e alla “casa mediterranea” perché capace di isolare con straordinarie prestazioni, sia dal caldo che dal freddo, regolando anche l’umidità interna.

Ipunti chiave di questo restyling urbano:

URBAN PLANNING: risparmio di suolo grazie alla bonifica di aree dismesse;

GREEN ENVIRONMENT: verde urbano come mitigazione delle emissioni di gas serra e dell’isola di calore; solar design (serre) e strategie bioclimatiche (raffrescamento naturale); efficiente gestione dell’acqua con recupero delle acque meteoriche, e dell’intero ciclo dei rifiuti con compostaggio condominiale;

GREEN ENERGY: autarchia energetica generate da fonti rinnovabili;

GREEN MOBILITY: stazione ricarica per auto/bici elettriche; –GREEN LIVING: alto comfort indoor delle abitazioni.

Il progetto Case di Luce ha un valore urbanistico aggiunto: intende “offrire” all’Ente pubblico, attraverso un partenariato pubblico–privato che ha generato un Piano di Rigenerazione Urbana, una “piazza di interconnessione”, in grado di cucire e connettere la zona residenziale privata con un parco attrezzato, in cui tornare a far vita di piazza e passeggio lento e mitigare il clima delle residenze attenuando l’effetto “isola di calore”.

Le prime due giornate sono rivolte agli ordini professionali (ingegneri, architetti, geometri) attraverso visite didattiche e convegni che vedranno la partecipazione di oltre 15 aziende partner, nonché la partecipazione di personalità politiche e professionisti di spicco in ambito nazionale e internazionale, quali Steve Allin, fondatore dell’IHBA. Le ultime due giornate, invece, saranno aperte al pubblico e partiranno con un convegno che porterà all’attenzione della platea le esperienze sul costruire sostenibile e naturale in modo trasversale da quelle di indirizzo tecnico legislativo (con la presenza della Professoressa Angela Barbanente, vice presidente regione Puglia e assessore alla qualità dell’abitare, dell’Onorevole Salvatore Matarrese, Presidente DES Puglia, dell’ing. De Bartolomeo, Presidente ANCE Bari–Bat) attraverso una serie di iniziative quali talk show sul vivere sano, con ospiti e partecipazione attiva del pubblico, un laboratorio, con costruzione dal vero, di una struttura in canna Arundo Donax –evento proposto al Fuorisalone di Milano– a cura di LAN, attività ludiche e curiosi laboratori didattici “In cantiere” dedicati alle famiglie a ai più piccoli, a cura del CEA Bisceglie, artisti, artigiani, associazioni locali, oltre che continue visite del cantiere. Sarà inoltre presentata al pubblico casa Hi–low, primo prototipo di prefabbricato naturale “chiavi in mano” con murature vegetali.

Per informazioni sul programma e per la registrazione agli eventi potete visitare il sito www.abitareilfuturo.it oppure scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Ivana Fasciano

Ivana Fasciano Architetto e Designer

Inventiva a 360°, trova nell’architettura la valvola di sfogo per il suo estro creativo. Adora progettare ville immerse nel verde. L’arte, la musica ed i viaggi le danno la carica per imbattersi ogni giorno in una nuova avventura.