Industrializzazione del processo edilizio e sostenibilità

Per industrializzazione del processo edilizio si intende un processo progettuale e costruttivo innovativo che adotti tecniche e tecnologie avanzate per massimizzare la produzione, incidere positivamente sugli aspetti economici del cantiere e ridurne i rischi.

L’industrializzazione del processo edilizio, affermatasi come prefabbricazione, prevede sostanzialmente di realizzare in stabilimento, con una produzione industriale, elementi edilizi tradizionalmente realizzati in opera. 

INDUSTRIALIZZAZIONE DEL PROCESSO EDILIZIO: UN MODELLO AUSPICABILE

Si tratta di un modello auspicabile dal punto di vista economico,  della sicurezza del cantiere, che diventa un luogo di assemblaggio, della qualità e della complessità del prodotti finito che, posto in opera correttamente, sarà tecnologicamente più avanzato di uno realizzato in un cantiere tradizionale.

I prodotti industriali prefabbricati inoltre facilitano l’ottenimento dei crediti LEED, il sistema di certificazione degli edifici Leadership in Energy and Environmental Design, perché contribuiscono a prevenire l’inquinamento da attività di cantiere, più frequentemente contengono materiali riciclati, apportano una componente di innovazione alla progettazione, riducono gli scarti di cantiere e lo rendono un luogo più sicuro.

In Italia questo approccio progettuale e costruttivo, seppure auspicabile, non ha ancora preso piede. Il motivo principale è da ricercare nella realtà produttiva italiana, costituita da poche grandi e medie imprese e tantissime piccole imprese artigiane che più difficilmente delle prime hanno le risorse per modificare il proprio modello organizzativo in favore dell’industrializzazione. Complice anche la frequente necessità di modificare il progetto in corso d’opera, che la produzione di componenti industrializzati realizzati in serie, non aiuta.

Inoltre l’industrializzazione, che pone la progettazione al centro di un processo produttivo, non lascia spazio al minimo errore. Necessita quindi di un progetto ed un’organizzazione perfetti e progettisti ed operatori altamente qualificati. Qualificare il personale, specializzare le imprese artigiane e dare loro le possibilità di attuare il cambiamento, è il primo passo in direzione prefabbricazione. Ed è fondamentale che anche i progettisti si rendano conto che il proprio ruolo è cambiato, sta cambiando ed è sicuramente destinato ad evolversi ancora.  

IL SISTEMA NPS®

A favore dell’industrializzazione del processo edilizio si è mosso Tecnostrutture, produttore del Sistema NPS®, un sistema modulare completo e flessibile che si compone di strutture composte acciaio-calcestruzzo orizzontali - Travi NPS® tipo REP e Solaio NPS® - e di strutture verticali - Pilastri PDTI® NPS®, PTC® NPS®, BASIC NPS® e NPS® WALL. Gli elementi vengono prodotti in stabilimento e montati in cantiere in totale autoportanza, eliminando la necessità di casserature e puntellazioni provvisorie.

industrializzazione-edilizia-d

industrializzazione-edilizia-b

Sono tantissimi gli edifici realizzati con NPS® SYSTEM: edifici alti, teatri, ospedali, metropolitane, edifici per il commercio, scuole e residenze. 

industrializzazione-edilizia-c

Tra questi segnaliamo il complesso direzionale Centro Leoni a Milano, il primo edificio per uffici in Italia ad essere certificato LEED "Core and Shell", livello "Silver". Il complesso di due edifici di 10 piani fuori terra e 3 interrati, situato in un'area verde di circa 300.000 mq, per via della velocità di posa in opera delle travi autoportanti NPS® è stato realizzato in tempi brevissimi e i.lab il centro ricerche di Italcementi, certificato LEED platino.

industrializzazione-edilizia-e

Ti potrebbero interessare anche...