Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. OK

SCIA o CILA? I permessi edilizi per l’installazione di scale interne

I permessi edilizi per la realizzazione di scale interne

Le scale interne rappresentano una necessità nelle case che si sviluppano su due o più piani, negli attici dotati di mansarda, negli appartamenti con soppalco o in presenza di sopraelevazioni.

L’installazione di scale interne ricade tra gli interventi definiti di manutenzione straordinaria dal Testo Unico dell’edilizia e per questo è necessario richiedere un permesso edilizio per la loro realizzazione. In seguito alla riforma Madia, in vigore dal 1° gennaio 2017, diverse cose sono cambiate e proviamo a chiarire quali sono i permessi edilizi necessari per gli interventi che riguardano le scale interne.

SCIA, PDC, CILA: i permessi per l’installazione di scale interne

È fondamentale, prima di iniziare i lavori di installazione di una scala interna, assicurarsi di ottenere tutte le autorizzazioni necessarie. Il Testo Unico dell’edilizia (DPR 380/2001) disciplina tutti gli interventi per cui va richiesto il rilascio di un titolo abilitativo. Tra questi sono menzionati gli interventi di manutenzione straordinaria, che includono anche il rifacimento di scale interne (che ricade gli interventi necessari per rinnovare e sostituire parti anche strutturali del fabbricato che non modificano la volumetria né la destinazione d’uso dell’immobile).

La riforma Madia, in vigore dal 1° gennaio 2017 ha modificato il sistema dei permessi edilizi vigente fino all’anno scorso. Attualmente, dopo la riforma Madia, le possibili autorizzazioni da richiedere per la realizzazione di scale interne sono SCIA, Permesso di Costruire e CILA:

  • SCIA – La SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) va richiesta per interventi di manutenzione straordinaria sulle parti strutturali dell’edificio, interventi di ristrutturazione edilizia e varianti a permessi di costruire. Richiede l’intervento di un professionista abilitato che certifichi la bontà del lavoro. Per esempio, secondo il Decreto SCIA2, l'installazione di una scala che richiede una modifica strutturale o la demolizione di una parte di solaio richiede una SCIA.
  • Permesso di Costruire – Il Permesso di Costruire va richiesto se l’installazione della scala ricade all’interno di interventi che riguardano opere di nuova costruzione o di ristrutturazione edilizia al termine della quale si avrà un edificio del tutto o in parte diverso dal precedente. Anche in questo caso è necessario l’intervento di un professionista abilitato. Per esempio per installare una scala che richiede una modifica strutturale o la demolizione di una parte di un solaio all’interno di un immobile sottoposto a vincoli di carattere storico o architettonico, tipicamente si deve richiedere un Permesso di Costruire. Lo stesso va richiesto se l’installazione della scala interna si inserisce all’interno di un più ampio intervento di sopraelevazione.
  • CILA - La CILA (Comunicazione di inizio lavori asseverata) è da richiedere per gli interventi che non ricadono nelle attività di edilizia libera per cui non va richiesta né SCIA né Permesso di Costruire. Per esempio può essere sufficiente richiedere una CILA nel caso in cui si debba rimpiazzare una scala già presente o si debbano effettuare interventi che non comportano modifiche di tipo strutturale.

Ricadono tra gli interventi di edilizia libera le riparazioni e le manutenzioni delle scale interne che non alterano i materiali e non modificano le sagome, le posizioni e le pendenze. Per interventi che ricadono nell’edilizia libera non è necessaria nessuna comunicazione o richiesta di permesso edilizio.

e-max.it: your social media marketing partner