Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. OK
  • scritto da Redazione
  • categoria Eco cemento
  • 1.264 letture

Cemento fotocatalitico. Il rivestimento sostenibile che mangia lo smog

Asfalto-mangia-smog-ecorivestimento

Ecorivestimento è una malta foto catalitica a base di biossido di titanio, in grado di abbattere i livelli di inquinamento atmosferico. Il biossido di titanio, infatti, ha la capacità, in presenza di luce sia naturale che artificiale, di ossidare sostanze organiche e inorganiche scomponendole per poi trasformarle in nitrati e carbonati. L’asfalto mangia smog fu brevettato nel 1996 e inventato da Luigi Cassar, direttore centrale del settore ricerca e sviluppo di Italcementi, dopo anni di studio. A dare la conferma delle incredibili capacità del rivestimento, è Ivo Allegrini, direttore dell’Istituto Inquinamento Atmosferico del Cnr di Roma, che ha dichiarato che la malta fotocatalitizzatrice, stesa su mezzo km di strada a Segrate, ha fatto svanire il 60% degli ossidi di azoto presenti nell’atmosfera. Essendo provata e significativa la capacità di Ecorivestimento di depurare l’aria, sarebbe davvero interessante pensare di poterlo applicare alle strade delle nostre città. Riusciremmo in questo modo a rientrare nei limiti sugli inquinanti nell’aria previsti dalla normativa europea.
Un chilometro quadro del prezioso asfalto mangia smog, infatti, attraverso un processo di fotosintesi, riesce ad assorbire ogni anno una quantità di ossido di azoto pari a ben 30 mila tonnellate! Per comprendere l’importanza di tale valore, basti pensare che ogni auto emette circa 0,4 grammi di ossido di azoto per chilometro quadro e che quindi un kmq di Ecorivestimento consente l’eliminazione dei gas di scarico prodotti da 7500 auto.

Per chi si sta già chiedendo se l’innovativo composto è efficace solo con l’ossido di azoto, la risposta è no! Ecorivestimento, con il suo biossido di titano, è capace di rendere innocue anche sostanze come l’anidride solforosa, l’ossido di carbonio, la formaldeide ecc perché ne scinde le molecole trasformandole in composti non dannosi per l’uomo e l’ambiente.

Date le incredibili potenzialità del prodotto, l’assessore al Bilancio del comune di Segrate, Giuseppe Coari, promotore dell’iniziativa, ha annunciato che sarà avviato il rivestimento di altre strade comunali, scelte tra le più trafficate. E dopo gli ottimi risultati conseguiti all’aria aperta, sono stati verniciati con la malta fotocatalizzatrice anche due appartamenti. Ma Ecorivestimento può essere applicato anche su marciapiedi, gallerie, facciate di edifici pubblici e privati ecc..

Il suo costo è di circa 25 euro a metro quadrato per strade e marciapiedi, e scende tra i 15 e i 20 per la verniciatura di appartamenti.

La lotta all’inquinamento atmosferico è in pieno svolgimento e la scienza, con la dimostrazione dell’efficacia di interessanti prodotti, può aiutarci a vincerla.

Maggiori informazioni su Ecorivestimento

Fonte | Corriere della Sera

e-max.it: your social media marketing partner