Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. OK

Orto verticale fai da te. Soluzione anti-crisi per riscoprire il contatto con la natura

Orto-verticale-fai-da-te-e

Impazza il trend dell’orto fai da te. Una rapida soluzione anti–crisi ma anche la riscoperta di un ritrovato contatto con la natura, da praticare ovunque. Così si fanno largo le idee più diverse per venire incontro anche a chi non ha grandi spazi coltivabili a disposizione ma comunque non vuole rinunciare ad un angolo verde, nemmeno in città. L’idea più semplice per mettere a punto un piccolo orto domestico è data dalla parete con vasi incorporati, che è possibile realizzare in autonomia usando un pannello con mensole dove poggiare le piante, oppure impiegando delle griglie verticali su cui agganciare i vasi.

Facile facile da costruire è anche il balcone fiorito, pensato dall’esperto di giardinaggio Fern Richardson ed illustrato in una piccola guida. Occorrenti necessari: un pallet pulito e in buone condizioni, un rotolo di tessuto, una pistola per graffette, carta vetrata. Eliminati eventuali difetti presenti lungo la superficie in legno del pallet, può avere inizio la fase della pinzatura, per fissare il tessuto lungo il fondo e la parte laterale della struttura. Voilà, il gioco è fatto: ecco pronto il nostro giardino pensile da riempire con semi o piante a piacere.

Ingegnosa è poi l’idea che arriva da due giovani creativi di San Diego, Mark DeMitchell e Mike Tarzian. Il loro orto urbano verticale impiega dei comuni tubi in pvc, da fissare attorno a pali in legno con all’interno dei fori in cui andranno riposte le piante. L’acqua necessaria ad alimentare l’orticello viene così fatta scorrere nella serpentina, con una pompa alla base del sistema di ricircolo. É così pronto l’orto verticale idroponico, che non impiega terreno ma soltanto acqua per mantenere in vita l’area verde.

Orto-verticale-fai-da-te-d

Sulla stessa tecnica si basa la“Windowfarm”, letteralmente “la fattoria da finestra”, ideata da Britta Rileye Rebecca Bray per coltivare anche in spazi molto piccoli. Sono sufficienti alcune bottiglie di plastica – che fungono da vasi – collegate tra loro attraverso tubicini che fanno capo a serbatoi d’acqua posti in cima alla struttura, da piazzarsi semplicemente davanti ad una finestra Leggete il dettaglio delle istruzioni.

Orto-verticale-fai-da-te-f

Senz’altro di gran moda sono i sistemi di giardini verticali che utilizzano sacche in feltro da colmare con le piantine preferite. Una soluzione modulare da parete che impiega uno strato isolante di fondo da poggiare sul muro, per impedire all’umidità di penetrare lungo la superficie. Il lato anteriore è invece traspirante, utile a favorire l’evaporazione dell’acqua in eccesso, mentre all’interno è riposto uno strato di feltro in grado di trattenere l’umidità a lungo e in maniera costante.

Altra proposta reperibile nella distribuzione è data da moduli impilabili realizzati in un tipo di polipropilene copolimero, che non rilascia sostanze chimiche ed è perciò ottimale anche per la coltivazione di piante commestibili. E realizzare un orto non è mai stato così facile!

e-max.it: your social media marketing partner