Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. OK

Strisce pedonali 3D per strade più sicure

Per risolvere il problema dell’alta velocità nei centri urbani si ricorre solitamente a diversi espedienti contemplati nel codice della strada: dossi artificiali, segnali dissuasori, semafori. La velocità dei veicoli diventa un problema soprattutto nelle strade urbane dove è previsto anche l’attraversamento dei pedoni.

Nitin Gadkari, il ministro dei trasporti del paese con il più alto numero di vittime per incidenti stradali ha avuto un'idea per far rallentare gli automobilisti in corrispondenza degli attraversamenti pedonali e rendere più sicure le strade e in alcune zone della municipalità di New Delhi, India, è stato realizzato un trompe-l’oeil di strisce pedonali per farle sembrare tridimensionali e sospese sopra il livello stradale agli occhi degli automobilisti. 

Le strisce pedonali tridimensionali

L’illusione ottica delle strisce stradali 3D è talmente realistica che avvicinandosi si ha il timore di andare addosso ad un ostacolo materiale realmente esistente e così si rallenta fino a che non si nota che le strisce sono in realtà disegnate.

Questa trovata di “street painting” fa si che gli automobilisti per istinto diminuiscano la velocità pur ripercorrendo la strada con le strisce dipinte, più volte. Il ministro dei trasporti Nitin Gadkari ha parlato di “interruttori di velocità virtuali”, ciò a testimoniare quanto influisca l’autopersuasione sulla mente umana.  

strisce pedonali 3d b

La trovata delle strisce pedonali 3D sta funzionando talmente bene in India che in Islanda in una delle vie centrali della cittadina islandese di Ísafjördur si è pensato di ricorrere allo stesso espediente, sebbene nel Nord Europa il traffico sia notevolmente regimato rispetto a quello indiano. La proposta per la realizzazione delle strisce 3D è stata sottoposta all’amministrazione locale a settembre e con il consenso dell’autorità per i trasporti locale alla fine dello scorso mese esse sono state realizzate.

L’idea dell’uso di strisce pedonali tridimensionali è, oltre che efficace anche economica. Basti pensare che per realizzarle non occorre eseguire lavori stradali invasivi come per esempio quelli per l’installazione di dossi artificiali, né installare pali per segnali o semafori, a favore del decoro visivo del luogo. Inoltre l’economicità sta nel fatto che oltre ad essere rapide e semplici da realizzare le strisce possono integrarsi su qualsiasi tipo di asfalto e necessitano di una manodopera limitata. Chiaramente si possono scegliere disegni di strisce geometriche, molto semplici, e tipologie di disegni più complessi e a vari colori.

strisce pedonali 3d c

e-max.it: your social media marketing partner
Mariangela Martellotta

Mariangela Martellotta Architetto

Architetto pugliese. Prima di decidere di affacciarsi al nascente settore dell’Ecosostenibilità lavorava nel settore degli Appalti Pubblici. È expert consultant in bioarchitettura e progettazione partecipata. Opera nel settore della cantieristica. È membro della Federazione Speleologica Pugliese.