Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. OK

Calzature sostenibili: prime scarpe biodegradabili

Jillian Silverman e Wing Tang, due studentesse del dipartimento di moda e abbigliamento dell’Università del Delaware, hanno realizzato il primo prototipo di scarpa biodegradabile realizzata con un materiale bio-composito, rinnovabile e proveniente dai comuni prodotti regionali.

thumb Scarpe fungo 1

L’impatto ambientale della moda è significativo. Il cosiddetto "fast fashion", letteralmente "moda veloce", che consiste nell'imitazione delle grandi case di moda per la produzione di indumenti alla moda, economici e spesso di bassa qualità, che dopo non molto si trasformano in rifiuti, aumenta la domanda di fibre sintetiche non biodegradabili. 

Consapevole di ciò, le studentesse Jilian e Wing hanno progettato delle scarpe biodegradabili, che possono essere gettate nei rifiuti organici anziché nell'indifferenziato. 

Il progetto delle calzature sostenibili è iniziato nel 2015, quando la Silverman ha condotto una ricerca come studentessa universitaria in un programma estivo, collaborando con un’assistente professore di studi di moda e abbigliamento, Kelly Kobb. Insieme hanno compiuto dei tentativi per la realizzazione di calzature sostenibili a partire da lavorazioni di scarti e dallo studio di diversi tipi di fungo. Il progetto finale del programma estivo della Silverman, non ha avuto molto successo, ma la studentessa non si è arresa, continuando a studiare i funghi anche durante il suo master.

Per lo sviluppo successivo del suo progetto si è appoggiata ad Huantian Cao, un professore di studi di moda e abbigliamento e co-direttore della Sustainable Apparel Initiative dell’università del Delaware, che in precedenza aveva offerto la sua esperienza in progetti di ricerca simili per creare calzature sostenibili, a partire da una varietà di materiali compositi. 

I ricercatori avevano sperimentato la crescita di diverse specie di funghi e l'utilizzo di diversi materiali, noti come substrati, in cui il micelio forma la sua rete di radici. Il micelio non è altro che il corpo vegetativo dei funghi. Hanno fatto crescere numerosi campioni, li hanno asciugati e li hanno testati per un potenziale utilizzo come suola di una scarpa.

Scarpe fungo 2

Le sostanze nutritive in cui i campioni sono cresciuti includevano piume di pollo e un prodotto di scarto tessile, spesso usato come materiale da imballaggio. 

"Le penne di pollo e i prodotti tessili forniscono le sostanze nutritive per il micelio, e sono anche un materiale di supporto in cui crescere. Si comportano come una sorta di colla per formare una matrice e creare una struttura di rete per il micelio." Huantian Cao

Dopo aver riprodotto questo esperimento, i campioni di micelio cresciuti dal gruppo di aiuto della Silverman sono stati testati e analizzati per la migliore specie e composizione. Il micelio è stato fatto crescere in uno stampo morbido a forma di suola per poi essere coperto da una "pelle" vegana per renderlo più resistente.

thumb Scarpe fungo 3

La collega Wing Tang ha creato la parte superiore della scarpa utilizzando gli scampoli di tessuto di mussola, scartati dagli studenti del dipartimento di design e di abbigliamento, dei coloranti vegetali e del filo di cotone al 100%.

Scarpe fungo 4

Le scarpe biodegradabili realizzate sono state presentate all'Esposizione Nazionale di Design Sostenibile, durante il Festival Americano di Scienza e Ingegneria che si è tenuto a Washington il 7-8 aprile di quest’anno.

Laura Bertelloni

Laura Bertelloni Architetto

Architetto e grafico, ama viaggiare, scrivere e cucinare. Alterna la sua attività al riciclo creativo. Già da piccola si divertiva a disegnare le case dei sogni per sua mamma, a pitturare il terrazzo dei nonni e a smontare la sua stanza, cambiando di continuo la disposizione dei mobili.