Un secolo di Bauhaus: gli eventi del 2019 per celebrare la scuola tedesca

Gli eventi del 2019 per celebrare un secolo di Bauhaus

Nel 2019 si celebra in tutta Europa l’anno dell’arte e della cultura e in Germania. Ricorre proprio nel 2019 il centenario dalla fondazione del Bauhaus, la scuola tedesca di architettura e design che segnò un’epoca finchè non fu costretta a chiudere a causa delle pressioni naziste.

Era il 1919 quando Walter Gropius fondò a Weimar una scuola di architettura e arti applicate chiamata Staatliches Bauhaus, letteralmente “casa del costruire”.  Questa scuola rappresentava, e rappresenta ancora oggi, un simbolo di rinascita e e crescita culturale per la Germania: qui si imparavano materie teoriche e pratiche, ma soprattutto si studiava la “cultura e l’etica del progettare” all’insegna di uno spirito innovativo e libertario che in un paese governato da un regime non era affatto visto di buon occhio. La scuola operò dal 1919 al 1933 – prima a Weimar, successivamente a Dessau e infine a Berlino – sotto la guida del fondatore Walter Gropius e l’appoggio di altre importanti e rivoluzionarie figure del mondo dell’Architettura e delle arti applicate fra le quali basti citare i nomi di  Mies van der Rohe (architetto tedesco poi fuggito in America per evitare le persecuzioni naziste) e Hannes Meyer (architetto svizzero).

Gli eventi per celebrare un secolo di Bauhaus nel 2019

Il logo degli eventi per festeggiare un secolo di Bauhaus

Con lo stesso spirito innovativo e di condivisione della celebre scuola tedesca anche le iniziative programmate per celebrare un secolo di Bauhaus avranno quel taglio di innovazione e originalità. I cento anni del Bauhaus saranno celebrati tra il 2019 e il 2020, con l’apertura di nuovi musei nelle città di Weimar e Dessau, che furono sedi di questa scuola, l’organizzazione di un festival a Berlino e la manifestazione culturale intitolata la “Strada del Modernismo” che proseguirà dalla Germania con tappe in tutta l’Europa e potrà essere seguita tramite un’apposita app.

Tutte le iniziative per celebrare un secolo di Bauhaus sono state promosse e supportate dal Parlamento tedesco e coordinate da tre diverse istituzioni che con la scuola di Weimar hanno legami storici. Si tratta della Fondazione Bauhaus di Dessau, della Klassik Stiftung di Weimar e dell’Archivio Bauhaus / Museo per il design di Berlino.

Durante questo 2018 è in corso la mostra itinerante internazionale Bauhaus imaginista  in collaborazione con il Goethe Institut e la House of World Cultures. 

Questa mostra sta viaggiando verso le città dei cinque continenti, tra cui Rabat, Kyoto, New York, Mosca e San Paolo, e sarà un mezzo per far collaborare gli artisti locali ad un progetto comune di rivalutazione dell’arte, scoperta di talenti, coinvolgimento delle culture dei vari paesi dove farà tappa. Il tour si concluderà nel 2019 quando il Bauhaus imaginista tornerà in Germania con i risultati di questo lungo dialogo interculturale.

Gli eventi per celebrare un secolo di Bauhaus nel 2019

Sul sito ufficiale che celebra un secolo di Bauhaus sono raccolte tutte le notizie storiche della scuola e quelle degli eventi per il prossimo 2019 fra le quali vi segnaliamo, fra le tante e tutte degne di interesse, quelle più rilevanti per richiamo mediatico.

A Weimar aprirà il nuovo Bauhaus Museum, con un progetto della berlinese Heike Hanada . 

Il modello del Bauhaus Museum di Heike Hanada

A Dessau invece si inaugurerà un nuovo museo per ospitare la collezione della Fondazione Bauhaus, ideato dallo studio d’architettura spagnolo guidato da Gonzaléz Hinz Zabala.

Il Bauhaus Museum di Gonzalez Hinz Zabala Young e Ayata

A Berlino sono in programma due iniziative. L’ampliamento dell’Archivio costruito nel 1979, con l’aggiunta di una nuova struttura e l’organizzazione del festival che celebrerà il centenario del Bauhaus con spettacoli musicali e culturali, nonché performance ispirate ad alcuni dei principali esponenti del movimento Bauhaus come Lászlό Moholy-Nagy e Oskar Schlemmer.

Nell'epoca dei social network, del virtuale, dell'arte mediatica siamo curiosi di sapere come verrà accolto il pensiero "concreto" e minimalista, basato sul materiale plasmabile e sui principi del progettare "dal cucchiaio alla città" come lo proponevano i maestri del Bauhaus. Attendiamo trepidanti il 2019 per scoprire come le giovani generazioni dialogheranno e si confronteranno con il pensiero del Bauhaus e come il Bauhaus saprà innestarsi nel modi di fare del XXI  secolo, cercando forse, di unire nuove discipline, come un tempo fu per le arti pratiche.

Mariangela Martellotta

Mariangela Martellotta Architetto

Architetto pugliese. Prima di decidere di affacciarsi al nascente settore dell’Ecosostenibilità lavorava nel settore degli Appalti Pubblici. È expert consultant in bioarchitettura e progettazione partecipata. Opera nel settore della cantieristica. È membro della Federazione Speleologica Pugliese.