Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. OK

Antiparos: il recupero di un fabbricato rurale nel rispetto della tradizione

Nel cuore della piccola isola di Antiparos – Grecia – in un paesaggio prevalentemente agreste dominato da filari d’uva e da oliveti, un tipico fabbricato rurale detto “Katikia” ormai ridotto a rudere è stato recuperato e adibito a residenza estiva. Il progetto, curato da VOIS architects, è stato sviluppato nel rispetto dei luoghi e della tradizione: i materiali, i colori e i volumi si integrano nel contesto e le stanze si susseguono senza soluzione di continuità.

GRECIA: UN RIFUGIO CON VISTA MARE

antiparos-katikia-b

IL PROGETTO DI RECUPERO DEL KATIKIA

L’edificio di Antiparos, situato sulla sommità di un lieve declivio, è costituito da un unico basso volume ad un solo livello caratterizzato da piccole aperture e da una copertura piana. Il parallelepipedo del fabbricato rurale emerge leggermente dal suolo con i suoi spessi muri in parte in pietra, che ricordano i muretti a secco che delimitano i poderi della zona, e in parte intonacati di bianco, inserendosi in punta di piedi nel paesaggio.

Lo sviluppo planimetrico ricalca la tipica “katikia” caratterizzata da un alternarsi di piccoli ambienti che andavano aggiungendosi nel tempo a seconda delle esigenze della famiglia. Due modeste camere da letto, studiate nel minimo dettaglio per sfruttare al meglio le dimensioni ridotte dei locali, con annesso bagno privato sono situate alle estremità della casa rispettivamente a Nord-Ovest e a Sud-Est, mentre al centro è situato un locale adibito a cucina e soggiorno.

antiparos-katikia-c

antiparos-katikia-d

antiparos-katikia-e

Gli interni sono caratterizzati dall’utilizzo di pochi elementi essenziali che imprimono un carattere semplice e rilassante alla casa. Persiane in legno grezzo separano tra di loro i diversi ambienti dalle pareti e dai soffitti tinteggiati rigorosamente di bianco e con i pavimenti in cemento liscio di colore grigio chiaro. Un tavolo in ferro fuso troneggia in soggiorno e vecchi lavandini in pietra sono stati collocati nei bagni e in cucina. 

Il forno esterno esistente è stato mantenuto e un muro in pietra a secco costituisce una quinta scenica che delimita e ripara sul fronte a Nord-Ovest un soggiorno all’aperto.

Chiara Nicora

Chiara Nicora Architetto

Architetto interessato ad approfondire i temi legati alla riqualificazione del costruito, progetta case e allestimenti temporanei. Affascinata dal mondo dell'arte in tutte le sue molteplici espressioni, dedica il suo tempo libero come volontaria per il patrimonio culturale.