Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. OK

Marchi, etichette e certificati per materiali edili sostenibili

Etichette e certificati per riconoscere i materiali sostenibili in edilizia

È sempre più diffusa, tra i consumatori, la consapevolezza che il singolo individuo, attraverso scelte di acquisto consapevoli, può diventare protagonista virtuoso dello sviluppo sostenibile.

Questo atteggiamento va applicato anche all’edilizia, e non soltanto alle nuove costruzioni, ambito nel quale molto si sta facendo anche a livello legislativo, ma anche e soprattutto nelle ristrutturazioni e nella riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, attraverso l’utilizzo di tecnologie e materiali a basso impatto ambientale.

Uno dei metodi per riconoscere la sostenibilità di un materiale è basato sul Life Cycle Assessment (LCA,) ossia la valutazione del ciclo di vita di un prodotto, considerando in particolare:

  • Fornitura ed estrazione delle materie prima
  • Produzione
  • Imballaggio
  • Trasporto
  • Utilizzo
  • Smaltimento ed eventuale possibilità di riciclaggio

I materiali sostenibili, per essere veramente tali, devono quindi essere di provenienza locale, devono assicurare una lunga durata e, una volta raggiunto il loro “fine vita” devono essere riciclabili o comunque facilmente smaltibili. È possibile riconoscere i materiali sostenibili attraverso marchi, etichette, certificati biologici.

Marchi, etichette e certificati biologici

Il marchio Ecolabel UE

Il marchio europeo ECOLABEL UE, rappresentato da una margherita che al posto dei petali ha le 12 stelle dell'Unione Europea, fu istituito nel 1992 e ha quindi da poco compiuto 25 anni.

L'etichetta è a base volontaria. Chi vuole apporla al proprio prodotto deve presentare una domanda di concessione per utilizzare il marchio, e la sua gestione è affidata ad un Comitato Europeo, composto da rappresentanti dell'industria, delle associazioni ambientaliste e da quelle per la tutela dei consumatori.

Oltre a tener conto degli impatti ambientali dei beni di consumo lungo il loro intero ciclo di vita, i criteri Ecolabel si interessano anche di aspetti riguardanti la qualità del prodotto, la salute dei consumatori e aspetti sociali ed etici dei processi produttivi.

La certificazione ambientale EMAS

EMAS (Eco-Management and Audit Scheme) è una certificazione ambientale della Comunità Europea al quale possono aderire volontariamente aziende o enti, nell'ottica di valutare e migliorare la propria “gestione ambientale”. Hanno aderito ad EMAS le organizzazioni (anche molti enti pubblici) che possiedono la certificazione ambientale ISO 14001.

I requisiti necessari per aderire ad EMAS sono

  • efficienza ed impegno a migliorare le proprie prestazioni ambientali
  • trasparenza delle politiche aziendali e dei programmi di miglioramento
  • credibilità, attestata e certificata dal competente organismo nazionale.

I Certificati biologici

Alcuni materiali per l'edilizia, come per esempio quelli utilizzati per coibentare gli edifici (fibra di legno, fibra di canapa, sughero, ecc.) sono ricavati da materiali vegetali coltivati con metodi biologici. Biologico è un prodotto ottenuto con tecniche a basso impatto ambientale, nella sua produzione non devono quindi essere utilizzati concimi o pesticidi di origine sintetica, nell'ottica di salvaguardare l'ambiente agricolo dal quale sono ottenuti, la sicurezza del lavoratore (edile, nel nostro caso) che li utilizza, e del consumatore che li abita e li vive.

Esistono svariati organismi di certificazione pubblici e privati, ognuno dotato di un proprio marchio, (difficile farne un elenco esaustivo) che si occupano di controllare e certificare le produzioni. Il marchio ANAB (Associazione Nazionale Architettura Bioecologica), in particolare, si occupa di prodotti per l'edilizia.

Le certificazioni forestali 

FSC (Forest Stewardship Council) e PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification Scheme) sono sistemi di certificazione non governativi che si occupano della gestione sostenibile delle foreste. Gli enti certificano che la produzione del legname e la sua commercializzazione sono rispettose della sostenibilità ambientale e dei diritti dei lavoratori.

L'apposizione di un marchio o di un certificato biologico è quindi una garanzia che il prodotto che stiamo comprando sia stato controllato da personale esperto e secondo criteri scrupolosi, che possono essere facilmente approfonditi visitando i siti delle associazioni e degli enti certificatori.

Rimangono però alcune “buone prassi” da applicare nella scelta dei prodotti per l'edilizia:

- Scegliere materiali locali tipici dell'edilizia del luogo: oltre a ridurre le emissioni prodotte dai mezzi di trasporto, contribuiremo a conservare l'aspetto e l'immagine dei luoghi e le tradizioni costruttive locali.

- Affidarsi agli esperti: un materiale di ottima qualità potrebbe non essere il migliore per le nostre esigenze specifiche, così come, per esempio, una posa “fai da te” potrebbe azzerare i benefici dell'isolante naturale che abbiamo deciso di applicare alle nostre pareti o peggio generare ponti termici con muffe o rigonfiamenti.

Una buona progettazione aiuta a prevenire gli sprechi, ed è quindi la base imprescindibile per avere un'abitazione amica della natura.