Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Design Arredamento Eco-design: Piksol arreda la casa con i pannelli fotovoltaici

Eco-design: Piksol arreda la casa con i pannelli fotovoltaici

Piksol-pannelli-solari-eco-designSalotti che mutano il loro aspetto in continuazione grazie alla combinazione di luce ed ombra. Ambienti le cui sembianze cambiano semplicemente grazie ad un quadro, che rappresenta il volto di un personaggio della storia o dell’arte, mutevole durante le diverse ore del giorno. L’innovazione del design di interni è Piksol e viene da drzach & suchy, un architetto attivo in Brasile e un software engineer di Zurigo. Ma cos’è Piksol? E come funziona?

Piksol è un oggetto di design ecologico e tecnologico in grado di stupirci per i diversi aspetti che può assumere. Non è nient’altro che un riquadro bianco da appendere in verticale, ortogonalmente al quale sono stati applicati dei piccoli pannelli fotovoltaici, disposti a formare volti di personaggi famosi o paesaggi.

Collocando Piksol in una stanza esposta a sud o comunque diversamente illuminata durante l’arco della giornata, si potrà assistere al mutamento dell’aspetto del “quadro” grazie alle diverse ombre che i piccoli pannelli orizzontali generano sul supporto.

Esistono anche pannelli Piksol realizzati in modo da proiettare l’ombra di personaggi diversi a seconda dell’inclinazione dei raggi solari

Questo non è solo un oggetto di design, ma molto di più. Sensibilizza ai temi della sostenibilità ambientale, disinvoltamente esposti in soggiorno e non solo! Le piccole celle fotovoltaiche, infatti, assorbono energia e la rendono disponibile per gli usi domestici.

Guarda il video per capire meglio il funzionamento di Piksol

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

Progettista Visita il sito dei progettisti drzach & suchy per guardare altri video molto interessanti sul prodotto.

Leggi anche:
Alcune sedie sono riconoscibili a prima vista come la Eames Chair. Quest’opera di design progettata dal duo di designer Charles e Ray Eames,
Si chiude oggi il Salone del Mobile di Milano, fiera leader per i marchi di design e per i designer stessi, per lanciare i loro ultimi progetti m
Nel mondo occidentale la stragrande maggioranza delle persone possiede un frigorifero in casa; questo significa che in quasi tutte le abitazioni
L'interior design di ogni showroom ha l'arduo compito di raccontare un brand, accattivarsi la clientela con uno spazio emozionante e nello stesso
Il miscelatore Axor Starck Organic stabilisce un nuovo standard di consumo a 3,5 litri al minuto grazie al particolare diffusore: una
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Design Arredamento Eco-design: Piksol arreda la casa con i pannelli fotovoltaici

Iscriviti e riceverai un omaggio!

Scrivi per Architettura Ecosostenibile!

hansgrohe-teaser

Axor Hansgrohe produce il primo miscelatore che consuma solo...

Il miscelatore Axor Starck Organic stabilisce un nuovo standard di consumo a 3,5 litri al minuto grazie al particolare diffusore: una vera e propria micro-doccia con 90 ugelli capaci di dare corpo e piacevolezza anche a un flusso d'acqua minimo.

In evidenza mese di Luglio 2013

In evidenza Curiosita' sostenibili

Il diario del progetto italiano Rhome for DenCity per il Solar Decathlon 2014

Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Arup su ArchitetturaEcosostenibile.it
Shigeru Ban su ArchitetturaEcosostenibile.it
Renzo Piano su ArchitetturaEcosostenibile.it
Banner


In evidenza Architettura Sostenibile

In evidenza Architettura Sostenibile

Interni di Architetture sostenibili


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Social Life

Architettura Ecosostenibile su Google Plus Architettura Ecosostenibile su Facebook Architettura Ecosostenibile su Twitter Architettura Ecosostenibile su LinkedIn

 

I volantini online non emettono Co2