Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura Nel Mondo Uno stadio nel deserto: Arup sfida il caldo e costruisce sostenibile

Uno stadio nel deserto: Arup sfida il caldo e costruisce sostenibile

stadio-arup-qatar-aIn Qatar nasce un esempio innovativo di architettura per lo sport: l’arena showcase, uno stadio da 500 posti. Lo studio Arup Associates ha concepito, in sole dieci settimane, un edificio alternativo a bassa emissione di carbonio, che è stato nominato per il World Architecture News 2012 e funge sia da esempio sostenibile in vista dei mondiali del 2022, le cui finali si terranno proprio in Qatar, sia da vetrina per un nuovo criterio di costruzione nei Paesi caldi. La particolarità di questo stadio infatti è quella di usare tecniche passive di protezione dal caldo e ombreggiamento e lo sfruttamento dell’energia solare.


AAA-pr Scopri anche altri progetti dello studio Arup 

Il mini stadio è stato realizzato nel deserto, dove le temperature superano anche i 45 gradi centigradi.

stadio-arup-qatar-b
stadio-arup-qatar-c

Date le condizioni climatiche estreme è stato necessario prestare la dovuta attenzione agli impianti di raffrescamento ed energetico in generale.
Tutta la struttura, a partire dalla copertura, è quindi in funzione dell’obiettivo di risparmio energetico.




AAA COPERTURA
Il tetto è mobile per sfruttare appieno la ventilazione naturale: la cupola resta chiusa durante le ore diurne, permettendo al sistema di raffrescamento di combattere il caldo e mantenere una temperatura adatta all’interno dello stadio.

stadio-arup-qatar-d
stadio-arup-qatar-e


Nelle
ore serali invece la copertura viene aperta nella sezione esposta a Nord, lasciando sempre chiusa la parte esposta a Mezzogiorno, in modo da mantenere coperti sia i giocatori in campo sia gli spettatori.

stadio-arup-qatar-f

Il raffrescamento si irradia fin sotto ai sedili delle tribune, con varchi laterali aperti in vari punti per favorire la ventilazione naturale.

La copertura è realizzata con una struttura multistrato: lo strato esterno è in pvc ed è “trapuntato” al suo interno con una membrana plastica EFTE (etilene tetrafluoroetilene); entrambi sono ancorati alla struttura in acciaio.




AAA PARCO FOTOVOLTAICO
Per mantenere efficienti le prestazioni dell’impianto di raffrescamento e assicurarsi il primato di primo stadio carbon free al mondo è ovviamente necessaria un’autosufficienza energetica data da tecniche passive di protezione e ombreggiamento e dallo sfruttamento di risorse rinnovabili, in primis il sole.

stadio-arup-qatar-g

Ai lati dello stadio sostenibile infatti è stato installato un parco fotovoltaico a concentrazione che, quando lo stadio non è in funzione, immette l’energia prodotta nella rete elettrica nazionale, in modo da bilanciare l’energia richiesta quando invece lo stadio è in funzione.

L’elettricità è generata anche attraverso la combustione di biocarburanti per mantenere basso l’impatto ambientale.
Il parco fotovoltaico occupa un’area che è quasi il doppio di quella dello stadio. 

I raggi del sole sono concentrati verso tubi speciali grazie a un sistema di specchi parabolici orientabili con lenti Fresnel
Nei tubi scorre un liquido che viene portato attorno ai 200° C.

stadio-arup-qatar-hstadio-arup-qatar-i

Per contrastare il caldo è stata inoltre realizzata una protezione circolare in cemento armato, di qualche metro d’altezza. Essa corre intorno al perimetro dello stadio isolandolo termicamente e creando una bolla d’aria fresca.

In questo modo lo studio Arup ha potuto dimostrare che un’architettura sostenibile è possibile anche in pieno deserto, con l’augurio che anche per la realizzazione dello stadio da 50.000 spettatori prospettato per i mondiali si prenda spunto da questo progetto.

Leggi anche:
Frutto di una collaborazione internazionale tra un gruppo di architetti finlandesi e dei volontari cambogiani, il centro polivalente giovanile di
Il Prahran Hotel è un pub su tre piani sito in Australia, a Victoria con un ampio atrio a doppia altezza. La caratteristica fondamentale è
L’ultima moda in fatto di costruzioni, sta sfidando le leggi della fisica: dall’Europa all’Asia, passando per l’America, sono sempre più
Bambù e bottiglie di plastica: insolito connubio da cui è scaturita l'idea per un delizioso vivaio nella campagna vietnamita. Un piccolo esempi
L'idea dell'abitare temporaneo è una prassi sempre più consolidata anche nella cultura occidentale. La casa è diventata spesso d'uso temporane
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura Nel Mondo Uno stadio nel deserto: Arup sfida il caldo e costruisce sostenibile

Iscriviti e riceverai un omaggio!

Scrivi per Architettura Ecosostenibile!

hansgrohe-teaser

Axor Hansgrohe produce il primo miscelatore che consuma solo...

Il miscelatore Axor Starck Organic stabilisce un nuovo standard di consumo a 3,5 litri al minuto grazie al particolare diffusore: una vera e propria micro-doccia con 90 ugelli capaci di dare corpo e piacevolezza anche a un flusso d'acqua minimo.

In evidenza Mobilita' sostenibile

In evidenza Materiali sostenibili

Il diario del progetto italiano Rhome for DenCity per il Solar Decathlon 2014

Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Arup su ArchitetturaEcosostenibile.it
Shigeru Ban su ArchitetturaEcosostenibile.it
Renzo Piano su ArchitetturaEcosostenibile.it
Banner

In evidenza Architettura Sostenibile

In evidenza Architettura Sostenibile

Interni di Architetture sostenibili


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Social Life

Architettura Ecosostenibile su Google Plus Architettura Ecosostenibile su Facebook Architettura Ecosostenibile su Twitter Architettura Ecosostenibile su LinkedIn

 

I volantini online non emettono Co2