Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura In Italia Riqualificazione urbana sostenibile. Il primo esempio a Salerno

Riqualificazione urbana sostenibile. Il primo esempio a Salerno

Riqualificazione-urbana-sostenibile-salernoSi è parlato di singoli appartamenti e interi edifici, quartieri e perfino città all’insegna della sostenibilità ambientale, ma di riqualificazioni urbane sostenibili fino ad ora nemmeno l’ombra. Ci si è preoccupati di far diventare “eco” il nuovo, dimenticandosi però che anche l’esistente merita di essere reso conforme ai valori di sostenibilità ambientale.



A mettere un punto e segnare la svolta, è il team di progettazione salernitano coordinato dall’architetto Emilio Coppola che, dovendosi occupare della progettazione dei lavori di risanamento e miglioramento della viabilità di una zona di Salerno, ha deciso di non farlo alla maniera tradizionale. Il gruppo di progettazione anzi, apre la strada a nuovi interventi di riqualificazione urbana sostenibile perché si è occupato di individuare possibili indicatori per la definizione di un protocollo di sostenibilità per questo tipo di interventi.

Riqualificazione-urbana-sostenibile-salerno-bPer il progetto, che coinvolge le aree di Via Manganario e Via Lanzalone a Salerno, ci si è avvalsi della competenza di figure professionali specializzate in ambiti diversi (progettazione architettonica, recupero edilizio ed urbano, sostenibilità ambientale) per risolvere problemi come la congestione da traffico, l’assenza di identità di un quartiere, la totale mancanza di spazi pubblici e l’elevata densità edilizia che rende impossibile gli allargamenti della sede viaria, la realizzazione di aree verdi e perfino la messa a dimora di alberature lungo i marciapiedi.

Riqualificazione-urbana-sostenibile-salerno-aSembrerebbe impossibile in un contesto del genere riuscire a parlare di spazi verdi, eppure sono stati progettati 2500 metri quadrati di verde. A rendere possibile l’impresa, l’idea di realizzare in ogni minimo interstizio libero, delle strutture sulle quali far sviluppare dei giardini verticali. Dopo tanto intonaco e cemento, delle strutture completamente inerbite contribuiranno alla riduzione dell’inquinamento, all’assorbimento dell’anidride carbonica, all’abbattimento dei rumori e alla regolazione della temperatura urbana. Le varietà arboree sono state scelte dopo attenti studi riguardanti l’irradiazione solare e la temperatura della zona, l’altezza dei fabbricati, il contenimento degli effetti allergici e la resa cromatica.

L’attenzione che questo progetto pone all’ambiente, non si ferma qui: con grande cura sono stati stabiliti tutti i materiali. Le nuove pavimentazioni fotocatalitiche, i led e dei regolatori di flusso per la pubblica illuminazione, il riciclo dei rifiuti da demolizione, sono tutti dettagli che rendono questo un progetto di riqualificazione urbana sostenibile, il primo in Italia.

Generico Leggi la relazione del progetto risanamento e miglioramento della viabilità delle aree di via Manganario e via Lanzalone

Leggi anche:
Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha stilato un elenco delle opere incompiute nelle diverse regioni italiane. Le opere incompiute
Il pallet, nato come pedana di appoggio per carrelli elevatori, negli ultimi anni è stato protagonista di molti progetti di riuso creativo. Tra
A fianco all’antica cinta muraria, percorrendo contrà Misericordia a Vicenza si arriva a casa Ceschi. Dalla stradina stretta, appare un fabbri
A Milano, in una zona periferica nei pressi del quartiere San Siro, sta nascendo un importante esempio di Social Housing tutto italiano, che pren
La prima social street d’Italia è a Bologna, precisamente in via Fondazza, una strada del borgo antico, con 91 numeri civici. Con il termine s
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura In Italia Riqualificazione urbana sostenibile. Il primo esempio a Salerno

Iscriviti e riceverai un omaggio!

Scrivi per Architettura Ecosostenibile!

hansgrohe-teaser

Axor Hansgrohe produce il primo miscelatore che consuma solo...

Il miscelatore Axor Starck Organic stabilisce un nuovo standard di consumo a 3,5 litri al minuto grazie al particolare diffusore: una vera e propria micro-doccia con 90 ugelli capaci di dare corpo e piacevolezza anche a un flusso d'acqua minimo.

In evidenza Mobilita' sostenibile

In evidenza Materiali sostenibili

Il diario del progetto italiano Rhome for DenCity per il Solar Decathlon 2014

Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Arup su ArchitetturaEcosostenibile.it
Shigeru Ban su ArchitetturaEcosostenibile.it
Renzo Piano su ArchitetturaEcosostenibile.it
Banner

In evidenza Architettura Sostenibile

In evidenza Architettura Sostenibile

Interni di Architetture sostenibili


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Social Life

Architettura Ecosostenibile su Google Plus Architettura Ecosostenibile su Facebook Architettura Ecosostenibile su Twitter Architettura Ecosostenibile su LinkedIn

 

I volantini online non emettono Co2