Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura In Europa Solar City, un futuro sostenibile per la città solare di Linz

Solar City, un futuro sostenibile per la città solare di Linz

apevate che l’energia che arriva dal sole sulla terra ogni ora sarebbe sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico mondiale per un anno? E allora perché non sfruttarla? Siamo a Linz, in Austria, dove l’urbanista Roland Rainer, insieme al READ group, ha pensato bene di non farsela scappare per realizzare un quartiere che prende giustamente il nome di Solar City, in grado di alimentarsi sfruttando esclusivamente l’energia solare. Dopo il BedZED di Londra e l’Am Schlierberg di Friburgo, anche in Austria si sono dati da fare per mettersi al passo con il resto dell’Europa per quanto riguarda lo sfruttamento delle fonti di energia rinnovabile. La Solar City provvede autonomamente con i suoi numerosi pannelli solari alla produzione dell’energia di cui ha bisogno, generandone addirittura più del necessario per immetterla nella tradizionale rete cittadina. Il quartiere, nato per la grande richiesta di abitazioni che il centro della città non era più in grado di accogliere, è stato progettato per 25 mila abitanti ma per il momento ne ospita solo 4000. La Solar City è completamente sgombra dalle auto ma in compenso ricca di passeggiate pedonali e percorsi ciclabili e prevede una linea mezzi pubblici totalmente integrata al suo interno. L’orientamento degli edifici e la posizione di balconi e affacci sono stati studiati per garantire il guadagno solare, la loro forma compatta, per assicurare il contenimento del calore nelle giornate più fredde .
http://www.dapt.ing.unibo.it/mastereco/masterbio/VIAGGIO2006.pdf 5° pagina. Foto sul desktop
Il READ group (Renewable Energy in Architecture and Design), è composto da progettisti come Norman Foster, Richard Rogers e Thomas Herzog, oltre all’ingegnere Tedesco Norbert Kaiser.
L’ecosostenibilità applicata a scala urbana è affascinante. Non un singolo edificio ad auto-alimentarsi, bensì un intero quartiere.
Keywords: Quartiere ecosostenibile, Città, Austria, Linz
Descrizione: Nella città dell’Austria Linz, il gruppo di progettisti READ, insieme all’urbanista Roland Rainer, ha realizzato una città solare, detta Solar City perché è in grado di alimentarsi sfruttando la sola energia del sole. I trasporti sono ridotti a quelli pubblici e l’uso di auto e vietato in questo quartiere dove sono favorite passeggiate a piedi e in bicicletta.
Linz-solar-citySapevate che l’energia che arriva dal sole sulla terra ogni ora sarebbe sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico mondiale per un anno? E allora perché non sfruttarla? Siamo a Linz, in Austria, dove l’urbanista Roland Rainer, insieme al READ group, ha pensato bene di non farsela scappare per realizzare un quartiere che prende giustamente il nome di Solar City, in grado di alimentarsi sfruttando esclusivamente l’energia solare. Dopo il BedZED di Londra e l’Am Schlierberg di Friburgo, anche in Austria si sono dati da fare per mettersi al passo con il resto dell’Europa per quanto riguarda lo sfruttamento delle fonti di energia rinnovabile.

La Solar City provvede autonomamente con i suoi numerosi pannelli solari alla produzione dell’energia di cui ha bisogno, generandone addirittura più del necessario per immetterla nella tradizionale rete cittadina. Il quartiere, nato per la grande richiesta di abitazioni che il centro della città non era più in grado di accogliere, è stato progettato per 25 mila abitanti ma per il momento ne ospita solo 4000. La Solar City è completamente sgombra dalle auto ma in compenso ricca di passeggiate pedonali e percorsi ciclabili e prevede una linea mezzi pubblici totalmente integrata al suo interno.

L’orientamento degli edifici e la posizione di balconi e affacci sono stati studiati per garantire il guadagno solare, la loro forma compatta, per assicurare il contenimento del calore nelle giornate più fredde.
Foto | Men's Up
Leggi anche:
Il gruppo di progettazione Périphériques Architectes ha completato a Parigi la costruzione di un blocco residenziale per 35 alloggi, che si dis
Il team francese di Multipod Studio ha realizzato in una pineta della Francia meridionale il primo prototipo di Pop-up House, la casa passiv
Per il momento, l’architetto Daniel Libeskind e il suo team di lavoro hanno accantonato la progettazione di grattacieli per dedicarsi allo stud
A Nautigos, un piccolo paesino della Spagna del Nord nei pressi della città di Carnota, una vecchia casa in pietra, abbandonata da tempo, è sta
Lo studio britannico Jonathan Tuckey design è stato incaricato di progettare un ampliamento di legno per una scuola primaria ad ovest di Londra.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura In Europa Solar City, un futuro sostenibile per la città solare di Linz

Iscriviti e riceverai un omaggio!

Scrivi per Architettura Ecosostenibile!

hansgrohe-teaser

Axor Hansgrohe produce il primo miscelatore che consuma solo...

Il miscelatore Axor Starck Organic stabilisce un nuovo standard di consumo a 3,5 litri al minuto grazie al particolare diffusore: una vera e propria micro-doccia con 90 ugelli capaci di dare corpo e piacevolezza anche a un flusso d'acqua minimo.

In evidenza Mobilita' sostenibile

In evidenza Materiali sostenibili

Il diario del progetto italiano Rhome for DenCity per il Solar Decathlon 2014

Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Arup su ArchitetturaEcosostenibile.it
Shigeru Ban su ArchitetturaEcosostenibile.it
Renzo Piano su ArchitetturaEcosostenibile.it
Banner

In evidenza Architettura Sostenibile

In evidenza Architettura Sostenibile

Interni di Architetture sostenibili


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Social Life

Architettura Ecosostenibile su Google Plus Architettura Ecosostenibile su Facebook Architettura Ecosostenibile su Twitter Architettura Ecosostenibile su LinkedIn

 

I volantini online non emettono Co2