Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura In Europa Progetti di recupero e riconversione: da fattoria di un convento a centro polifunzionale

Progetti di recupero e riconversione: da fattoria di un convento a centro polifunzionale

riconversione-fattoria-convento-a

Nella cittadina di Chauffailles in Borgogna – Francia – sorge
il centro polifunzionale Léonce Georges nato dal recupero della vecchia fattoria del convento "Les sœurs de Jésus" collocato al limite tra città e aperta campagna. Il progetto di riconversione, realizzato grazie alla collaborazione tra i progettisti dello studio Calderon Folch Sarsanedas Arquitectes  e l’architetto Gérald Lafond, reinterpreta la vocazione rurale dell’edificio esistente e del paesaggio circostante.

AAA Il progetto: ristrutturare una fattoria del XVIII secolo

La fattoria del convento era praticamente ridotta a un rudere e la riconversione degli spazi ha interessato non solo la ristrutturazione, ma anche l’aggiunta di un nuovo volume.

riconversione-fattoria-convento-b
riconversione-fattoria-convento-c

La costruzione originaria era composta da due anonimi e semplici parallelepipedi disposti ad L caratterizzati da tetti a doppio spiovente e da alti soffitti. Il progetto del centro polifunzionale
 ha interessato la riqualificazione e il recupero dell’esistente e l’inserimento di una nuova porzione di edificio collocata in modo da creare una corte interna triangolare.

riconversione-fattoria-convento-d

Gli elementi tipici delle architetture rurali della zona sono stati mantenuti: i muri in pietra, le travi in legno e i tetti in tegola. Il volume aggiunto, quasi completamente prefabbricato e smontabile, è stato realizzato completamente in legno locale esattamente come si costruivano un tempo i fienili e accoglie la sala polifunzionale collegata direttamente alla vecchia costruzione dove trovano posto tutti gli spazi accessori quali la reception, i servizi e gli uffici.

riconversione-fattoria-convento-ericonversione-fattoria-convento-f

La forma sfaccettata della costruzione in legno è una reinterpretazione dei tradizionali tetti a doppio spiovente e l’occasione per creare sia dei soffitti sufficientemente alti che dei lucernari. Lo spazio viene così modellato dalla luce e dalle superfici inclinate creando una sala non convenzionale per tutte le diverse esigenze della comunità locale.
Foto | © Pol Viladoms

Leggi anche:
Nel cuore del Parco Naturale della Lorena, attraversando i sentieri lungo il fiume Mosa, si incontra la cappella di Sainte-Genevieve, magistralme
ll villaggio di Krumbach, nel distretto di Bregenzerwald in Austria, ha una popolazione di circa 1.000 abitanti distribuiti su un paesaggio che h
Da ormai 14 anni la Serpentine Gallery organizza a Londra ogni anno un evento speciale per l’estate, commissionando ad un architetto, che non
In occasione del Solar Decathlon Europe 2014, il team spagnolo Ressò ha proposto un prototipo di edificio polifunzionale sostenibile e modulabi
Londra si prepara a costruire un grattacielo fatto di rifiuti prodotti dai suoi stessi coinquilini. L’idea nasce durante un concorso architetto
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura In Europa Progetti di recupero e riconversione: da fattoria di un convento a centro polifunzionale

Iscriviti e riceverai un omaggio!

Scrivi per Architettura Ecosostenibile!

In evidenza Mobilita' sostenibile

In evidenza Materiali sostenibili

Il diario del progetto italiano Rhome for DenCity per il Solar Decathlon 2014

Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Arup su ArchitetturaEcosostenibile.it
Shigeru Ban su ArchitetturaEcosostenibile.it
Renzo Piano su ArchitetturaEcosostenibile.it


In evidenza Architettura Sostenibile

In evidenza Architettura Sostenibile

Interni di Architetture sostenibili


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Social Life

Architettura Ecosostenibile su Google Plus Architettura Ecosostenibile su Facebook Architettura Ecosostenibile su Twitter Architettura Ecosostenibile su LinkedIn

 

I volantini online non emettono Co2