Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura In Europa Involucro vegetale alternativo per la Camera di Commercio di Amiens

Involucro vegetale alternativo per la Camera di Commercio di Amiens

Camera-commercio-amiens-aIl nuovo edificio, su progetto dello studio parigino Chartier-Corbasson,  accoglie parte della Camera di commercio e dell'industria della Piccardia ad Amiens, la cui sede principale è situata in uno storico edificio poco distante (le due costruzioni si affacciano su uno spazio interno comune). L'intervento mette delicatamente in relazione preesistenza e nuovo, attraverso l'utilizzo di una parete vegetale che riprende le essenze del giardino circostante.

 

 

AAA  IL CONTESTO
La sede principale della istituzione regionale è situata in un edificio classificato come monumento storico, pregevole testimonianza architettonica del primo Novecento: l'hôtel particulier Bouctot-Vagniez. Esso è isolato su tutti i fronti: quello principale prospetta su Rue des Otages, gli altri su corti interne e spazi verdi comuni ad altri edifici. Il progetto scaturisce dalla necessità di creare nuovi spazi per le attività della Camera di Commercio e dell'Industria, e la scelta è quella di intervenire attraverso la costruzione di un nuovo volume che si affaccia sugli spazi comuni alla preesistenza storica, sfruttando la presenza di una particella interclusa sulla quale insiste un immobile di scarso valore, che viene demolito nella prima fase di cantiere. In questo modo l'edificio storico mantiene la propria integrità.

 

AAA  IL PROGETTO
L'edificio è orientato in direzione nord-sud ed è costituito da una hall di ingresso a doppia altezza, uffici e sale riunione distribuiti su cinque livelli e un auditorium per circa 200 persone al piano interrato.La facciata nord è costituita da una parete vegetale, dalla quale spuntano, come scatole luminose, le aperture degli ambienti lavorativi, definendo scorci visuali sull'edificio storico. Le vetrate sono in parte serigrafate, con una tecnologia che consente di ombreggiare o meno gli ambienti retrostanti a seconda delle esigenze. La facciata vegetale costituisce l'elemento di relazione tra nuovo edificio, preesistenza storica e giardini circostanti. Questa parete ad andamento variabile (ricorda l'andamento di una parete rocciosa naturale) è costituita da una struttura portante in carpenteria metallica - fissata su setti murari prefabbricati in cemento armato - alla quale vengono saldati moduli in lamiera grecata, che costituiscono il rivestimento base. La particolare modellazione della superficie è ottenuta grazie alle proprietà di deformazione a torsione della lamiera, e consente tra l'altro di minimizzare gli elementi di carpenteria utilizzati. Il sistema vegetale è costituito da moduli rettangolari (si tratta di poche varianti con dimensione trasversale fissa di circa 40 cm), che si adattano alle irregolarità della superficie sottostante grazie ad una griglia di tubi metallici con snodi centrali, messa a punto per l'occasione dai progettisti. Le essenze scelte per il rivestimento riprendono le suggestioni japanese style del giardino circostante.

Camera-commercio-amiens-b

Camera-commercio-amiens-c

La facciata sud prospetta su un grande viale alberato (Mail Albert  1er); essa è caratterizzata dall'andamento variato delle due porzioni verticali principali, e da una griglia di rivestimento metallico che funziona da schermo solare, regola la ventilazione e contribuisce alla privacy degli ambienti retrostanti. La calda policromia delle vernici utilizzate per le lamelle metalliche è studiata per riprendere il particolare cromatismo del mattone locale, ed è un tentativo dunque di inserirsi armoniosamente nel contesto urbano.

Camera-commercio-amiens-f

 

Camera-commercio-amiens-g

Camera-commercio-amiens-h

 

 

AAA  IL SISTEMA "PARETE VEGETALE"
L'utilizzazione di sistemi tecnologici vegetali per le pareti o le coperture di un edificio, lungi dall'essere un mero rivestimento estetico o esteriore, costituisce una alternativa ecosostenibile ai tradizionali componenti dell'involucro edilizio, in quanto contribuisce a migliorarne le prestazioni energetiche ed ambientali. Tra le caratteristiche principali vi sono la regolazione termica dell'edificio sia in estate che in inverno, la riduzione delle emissioini di CO2 nell'ambiente circostante, l'assorbimento acustico e la ottimizzazione delle risorse idriche. Riguardo a questo ultimo aspetto, in particolare, anche nel nuovo edificio di Amiens un sistema integrato di raccolta, filtraggio e ridistribuzione delle acque piovane, consente da un lato un risparmio economico sulla irrigazione della vegetazione, dall'altro la riduzione del carico sulla rete idrica urbana. 

Un edificio ibrido, che non instaura una competizione ma un dialogo rispettoso con il vecchio edificio storico, costituendone una sorta di cinta muraria vegetale, e mettendo insieme nuove tecnologie e rispetto delle tradizioni locali.

L'edificio è il primo immobile per uffici del dipartimento della Somme ad avere ottenuto la certificazione "NF Bâtiment tertiaire démarche HQE®", che classifica costruzioni le cui performance ambientali ed energetiche corrispondano agli standard più recenti.

Camera-commercio-amiens-d

 

Camera-commercio-amiens-e

Nel video un'iintervista a Thomas Corbasson, che illustra la concezione dell'idea e le varie fasi del cantiere.

Leggi anche:
Villers-en-Fagne è una piccola città del Belgio a vocazione rurale luogo ideale per una pausa dalla vita frenetica. È quello che devono aver p
In Germania lo studio Mattes Sekiguchi Partner Architekten ha curato la progettazione e realizzazione dell’asilo nido rivestito in legno, press
Il gruppo di progettazione Périphériques Architectes ha completato a Parigi la costruzione di un blocco residenziale per 35 alloggi, che si dis
Il team francese di Multipod Studio ha realizzato in una pineta della Francia meridionale il primo prototipo di Pop-up House, la casa passiv
Per il momento, l’architetto Daniel Libeskind e il suo team di lavoro hanno accantonato la progettazione di grattacieli per dedicarsi allo stud
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura In Europa Involucro vegetale alternativo per la Camera di Commercio di Amiens

Iscriviti e riceverai un omaggio!

Scrivi per Architettura Ecosostenibile!

hansgrohe-teaser

Axor Hansgrohe produce il primo miscelatore che consuma solo...

Il miscelatore Axor Starck Organic stabilisce un nuovo standard di consumo a 3,5 litri al minuto grazie al particolare diffusore: una vera e propria micro-doccia con 90 ugelli capaci di dare corpo e piacevolezza anche a un flusso d'acqua minimo.

In evidenza Mobilita' sostenibile

In evidenza Materiali sostenibili

Il diario del progetto italiano Rhome for DenCity per il Solar Decathlon 2014

Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Arup su ArchitetturaEcosostenibile.it
Shigeru Ban su ArchitetturaEcosostenibile.it
Renzo Piano su ArchitetturaEcosostenibile.it
Banner

In evidenza Architettura Sostenibile

In evidenza Architettura Sostenibile

Interni di Architetture sostenibili


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Social Life

Architettura Ecosostenibile su Google Plus Architettura Ecosostenibile su Facebook Architettura Ecosostenibile su Twitter Architettura Ecosostenibile su LinkedIn

 

I volantini online non emettono Co2