Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura del Paesaggio “Paesaggio del rifiuto”: il parco verde da una grande discarica

“Paesaggio del rifiuto”: il parco verde da una grande discarica

discarica-new-york-parco-aE’ possibile associare l’immagine di una discarica al concetto di sostenibilità e di rispetto ambientale? E’ possibile dar vita ad un progetto in grado di convertire gli “spazi dello scarto e del rifiuto” in luoghi di educazione ambientale, al rispetto della natura, alla valorizzazione del territorio come risorsa da condividere e consegnare alle generazionifuture? Da questo progetto di riconversione di una discarica in parco verde sembra che questo sia possibile.

Se è corretto estendere il termine “riciclo” ai luoghi, Fresh Kills Landfill rappresenta un esempio positivo di rinnovamento ecologico e pianificazione territoriale, una strategia creativa in grado di dare nuova identità ad un sito che per oltre cinquant’anni ha accolto ogni genere di rifiuto, ultimi tra i quali i resti e le macerie del World Trade Center.



AAA IL SITO E LA STORIA
Rappresentazione emblematica di “paesaggio del rifiuto”, Fresh Kills Landfill, con i suoi 890 ettari - circa 3 volte le dimensioni di Central Park -  deteneva lo scomodo primato di più vasta area di stoccaggio rifiuti al mondo.
Attiva dal 1948 e collocata nel borough di
Staten Island, una delle cinque contee della città di New York, la discarica era capace di ricevere 29.000 tonnellate di materiale al giorno, generando un complesso di agglomerati dell’altezza superiore a quella della Statua della Libertà. Con tali premesse e a seguito di continue pressioni da parte dell’opinione pubblica locale, nel 2001 l’U.S. Environmental Protection Agency decise di chiuderla definitivamente, dando avvio ad un programma di lavori in grado di convertire l’area nel più grande parco verde della città, denominato Fresh Kills Park.

discarica-new-york-parco-b

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.





AAA RECUPERO E OPPORTUNITÀ

La collaborazione fra il
New York Departement of City Planning e lo studio James Corner Field Operation ha portato alla stesura del Masterplan definitivo, un programma trentennale che si fonda sull’integrazione di tre sistemi distinti, utili alla creazione di un complesso coeso e dinamico:

  1. Pianificazione delle attività e delle strutture necessarie a promuovere il parco come luogo d’incontro e “fertile” destinazione culturale;
  2. Recupero e protezione della flora e della fauna per risanare l’habitat naturale dell’area e ripristinare la ricchezza del paesaggio originario;
  3. Creazione di una capillare rete di percorsi e sentieri utili a migliorare l’accessibilità del parco e favorire, al suo interno, una mobilità più rispettosa dell’ambiente.

discarica-new-york-parco-c
discarica-new-york-parco-d



AAA CINQUE TEMI PER IL PARCO

Fresh Kills Park, grazie alla sua estensione, sarà suddiviso in cinque aree destinate a diversi usi e funzioni:

  1. The Confluence: rappresenta il cuore culturale e ricreativo del parco, punto d’arrivo e partenza dei principali percorsi, ospiterà parchi giochi, eventi, mercati all’aperto, attività artistiche ed educative;
  2. North Park: destinato alle attività all’aria aperta, sarà caratterizzato dalla presenza di percorsi per passeggiare, correre, andare in bicicletta e di hot spot sensibili per la pratica del birdwatching e della pesca;
  3. South Park: ospiterà i luoghi adibiti allo sport; campi da calcio, piste d’atletica, centri equestri e percorsi nel verde troveranno spazio in quest’area caratterizzata da avvallamenti in grado di marcare viste significative sul paesaggio;
  4. East Park: costeggiata da un importante asse viario l’area sarà concepita come un percorso panoramico integrato nel paesaggio dove troveranno spazio aree umide e zone di riserva naturale da destinare al reinserimento delle specie animali e vegetali locali;
  5. West Park: con i suoi 220 ettari è l’area più estesa e più elevata del parco; un terrapieno capace di offrire una spettacolare visione su Lowerche, in futuro, dovrebbe ospitare il memoriale a ricordo dell’11 Settembre. 

discarica-new-york-parco-e
discarica-new-york-parco-f

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.





AAA LABORATORIO DI SOSTENIBILITÀ
Fresh Kills Park non vuole essere solo un rinnovato ambito territoriale da destinare agli abitanti di New York, ma bensì ha l’obiettivo ambizioso di trasformarsi in una moderna piattaforma informativa, capace di generare conoscenza ed essere modello per quanto riguarda i temi del ripristino, del recupero e della salvaguardia ambientale e paesaggistica.

discarica-new-york-parco-g
discarica-new-york-parco-h
discarica-new-york-parco-i

Termini come rimboschimento, valorizzazione dell’habitat naturale, miglioramento della qualità dell’acqua e produzione di energie alternative sono solo alcuni dei fondamenti su cui poggia l’intero intervento, un progetto ambizioso con scadenza a lungo termine che dimostra come, se riconosciuti e considerati, anche i luoghi del “rifiuto” possono diventare occasioni capaci di meravigliare, offrendo nuovi spazi di relazione e trasformandosi in vettori utili a ri-costruire un’ideale paesaggio collettivo.

Leggi anche:
Lungo il litorale catalano a metà strada tra Barcellona e Valencia, sorge la cittadina di Vinaròs, un piccolo borgo e località balneare. Per m
A partire dalla fine del 2014, per i prossimi 3 anni, è prevista la realizzazione del parco Zaryadye a Mosca, il primo parco costruito dal 1958
Gli appassionati di giardini ricercano i posti più ameni e suggestivi in giro per il mondo, pur di cogliere l’essenza di ogni paesaggio, nelle
Il premio di quest'anno per il miglior progetto di paesaggio, durante il World Architecture Festival 2013 è stato assegnato al giardino botanico
Per limitare la progressiva desertificazione delle terre salentine, nel 2008 a Ugento (Lecce) nasce il progetto denominato “L’Orto dei Tu’r
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura del Paesaggio “Paesaggio del rifiuto”: il parco verde da una grande discarica

Iscriviti e riceverai un omaggio!

Scrivi per Architettura Ecosostenibile!

In evidenza Mobilita' sostenibile

In evidenza Materiali sostenibili

Il diario del progetto italiano Rhome for DenCity per il Solar Decathlon 2014

Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Arup su ArchitetturaEcosostenibile.it
Shigeru Ban su ArchitetturaEcosostenibile.it
Renzo Piano su ArchitetturaEcosostenibile.it


In evidenza Architettura Sostenibile

In evidenza Architettura Sostenibile

Interni di Architetture sostenibili


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Social Life

Architettura Ecosostenibile su Google Plus Architettura Ecosostenibile su Facebook Architettura Ecosostenibile su Twitter Architettura Ecosostenibile su LinkedIn

 

I volantini online non emettono Co2