I principi della bioarchitettura

Principi-bioarchitettura

Costruire un edificio che rispetti l’ambiente ma che sia al contempo confortevole per l’uomo e soddisfi ogni sua esigenza, non è semplice. E’ per questo che una lista di consigli e principi per realizzare architetture ecocompatibili e sostenibili può servire sia che siate progettisti, sia che siate in cerca di una casa e abbiate
a cuore le tematiche ambientali.

1. RAPPORTO EDIFICIO–AMBIENTE
Non si può pensare di costruire un edificio ignorando il contesto in cui si inserisce. Non si può decidere di cementificare una zona beatamente incontaminata o di innalzare un grattacielo in un tessuto urbano minuto.

2. LE PREESISTENZE
Impossibile ignorare le preesistenze. L’ombra che generano sul nascituro edificio potrebbe essergli letale in inverno quando si ricerca il guadagno solare e l’illuminazione naturale. E vale anche il viceversa: il nuovo edificio non potrà essere eccessivamente più alto di quelli che lo circondano per evitare di fare loro ombra.

3. L’ORIENTAMENTO
Disponendo l’edificio in modo tale che il suo lato maggiore sia orientato lungo l’asse est–ovest, consentirà di ridurre le dispersioni termiche invernali ed estive.

4. DISPOSIZIONE DEGLI AMBIENTI
Attenzione alla disposizione degli ambienti: è opportuno disporre gli ambienti di servizio a nord e quelli più utilizzati durante la giornata a sud.

5. MATERIALI
Che siano materiali naturali, riciclati e riciclabili. La salute degli occupanti è subordinata alla presenza di materiali salutari, che non emettano sostanze inquinanti, mentre per garantire la salute dell’ambiente, è necessario che i materiali impiegati nelle costruzioni siano riciclati e riciclabili a loro volta. Sarebbe opportuno, inoltre che il loro ciclo produttivo non fosse nocivo per l’ambiente e che provenissero da aziende non lontane dal cantiere. Per risparmiare l’energia per la climatizzazione artificiale, gli spessori di isolante possono superare anche i 30 cm.

6. SCHERMI SOLARI
Per difendere l’abitazione dai raggi solari che aumentano significativamente il carico termico estivo, è bene predisporre dei semplici sistemi per la protezione dal sole. Tende interne e frangisole, nella loro semplicità, possono fare molto per ridurre il carico termico e di conseguenza, l’energia impiegata per la climatizzazione. Dovranno essere regolabili in modo da consentire in inverno il voluto passaggio dei raggi solari.

7. TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO ENERGETICO
Qualora tutte le soluzioni di climatizzazione passiva non bastassero per rendere un semplice edificio una bioarchitettura, si potrebbe integrare nell’edificio un impianto fotovoltaico, eolico o di produzione di biogas. Per risparmiare sulla climatizzazione, potrebbe essere utile un impianto geotermico.

Foto | GenitronSviluppo