Architettura ed Ecosostenibilità: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura Criteri progettuali Isolanti termici. Bioecologici è meglio. Come sceglierli

Isolanti termici. Bioecologici è meglio. Come sceglierli

Isolamento-termico-4-tipologieLe tipologie di materiali isolanti esistenti sono diverse. Essi possono essere catalogati in funzione della loro natura in quattro tipi principali. I materiali isolanti sono tutti accomunati da un basso coefficiente di conducibilità termica e quindi dalla capacità di proteggere dal caldo o dal freddo un ambiente e

da un peso ed un contenuto di umidità ridotti. Possono essere posti in opera “a cappotto” interno o esterno, oppure in intercapedine e si dividono, il relazione alla loro origine, in quattro categorie: isolanti sintetici, isolanti minerali, isolanti vegetali e di origine animale.

ISOLANTI SINTETICI
Tra gli isolanti sintetici ci sono il polietilene, il polistirolo espanso ed estruso, il vetro cellulare, le lane minerali e le varie schiume presenti sul mercato. I coibenti termici di tipo sintetico, possono essere riciclati più volte. In particolare l'EPS riciclato può essere riutilizzato per creare nuovi blocchi e lastre, alleggerire e coibentare calcestruzzi leggeri e malte, trasformato in granuli di polistirene compatto per ottenere grucce ed usato per la termovalorizzazione (potere calorifico dell’EPS di circa 10.000 kCal/kg).

ISOLANTI DI ORIGINE MINERALE
Gli isolanti di origine minerale sono perfetti nel caso in cui l’edificio in questione presenti problemi di umidità e infiltrazione. Appartengono a questa tipologia isolanti come l’argilla espansa (conducibilità termica compresa tra 0,09 e 0,12 W/mK), la vermiculite (0,077-0,082 W/mK) e la perlite (conducibilità termica circa pari a 0,066 W/mK).

ISOLANTI DI ORIGINE VEGETALE
Gli isolanti vegetali sono quelli ricavati dal legno http://www.architetturaecosostenibile.it/materiali/legno/ oppure dalla cellulosa. Qualche esempio? Sughero espanso (conduttività termica compresa tra 0,043 e 0,052 W/mK), conglomerato di lana di legno e leganti inorganici (0,085-0,11 W/mK), conglomerato di spaccato di legno e leganti inorganici (0,12-0,15 W/mK), pannelli di particelle di legno, pressati o estrusi (0,10-0,17 W/mK), legno naturale duro o extraduro (0,14-0,18 W/mK). Tra questi il più comune è sicuramente il sughero, ben noto per la sua durevolezza, igiene, incombustibilità e riciclabilità.

ISOLANTI DI ORIGINE ANIMALE
Gli isolanti di origine animale sono quelli ricavati, per esempio, dal vello delle pecore, come la lana, utilizzata principalmente nelle intercapedini e venduta in rotoli. La lana è un materiale riciclabile al 100%, in grado di proteggere sia dal caldo che dal freddo, impiegata perché in grado di assorbire l'umidità e rilasciarla gradualmente, senza bagnarsi.

Generico Una tabella sulla conduttività termica dei principali isolanti termici

Leggi anche:
I green roof potrebbero rilasciare i metalli pesanti accumulati. Un gruppo di ricerca inglese delle Università di Manchester e Leicester ha mess
È Tyler Short, il neo laureato alla triennale di Architettura dell’Università dell’Oregon, l’inventore dell’ultimo innovativo sistema d
Varie sono le tecniche di costruzione utilizzate dalle antiche popolazioni volte a garantire ottime condizioni di vivibilità anche in luoghi dov
“Come faccio a risparmiare energia quando sono a casa?” Questa la domanda che spesso amici e conoscenti rivolgono a chi si occupa di efficien
La ricerca di una progettazione “ecosostenibile”, ovvero ecologicamente orientata, che determini una pressione antropica tollerabile sul terr
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Architettura Criteri progettuali Isolanti termici. Bioecologici è meglio. Come sceglierli

Iscriviti e riceverai un omaggio!

Scrivi per Architettura Ecosostenibile!

hansgrohe-teaser

Axor Hansgrohe produce il primo miscelatore che consuma solo...

Il miscelatore Axor Starck Organic stabilisce un nuovo standard di consumo a 3,5 litri al minuto grazie al particolare diffusore: una vera e propria micro-doccia con 90 ugelli capaci di dare corpo e piacevolezza anche a un flusso d'acqua minimo.

In evidenza Mobilita' sostenibile

In evidenza Materiali sostenibili

Il diario del progetto italiano Rhome for DenCity per il Solar Decathlon 2014

Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Foster su ArchitetturaEcosostenibile.it
Arup su ArchitetturaEcosostenibile.it
Shigeru Ban su ArchitetturaEcosostenibile.it
Renzo Piano su ArchitetturaEcosostenibile.it

In evidenza Architettura Sostenibile

In evidenza Architettura Sostenibile

Interni di Architetture sostenibili


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Social Life

Architettura Ecosostenibile su Google Plus Architettura Ecosostenibile su Facebook Architettura Ecosostenibile su Twitter Architettura Ecosostenibile su LinkedIn

 

I volantini online non emettono Co2